Richiesta delucidazioni per gli EOD

La bibbia delle bombe d'aereo

Rispondi
Avatar utente
ciccio
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 173
Iscritto il: 30/11/2006, 11:53
Collezionista: No
cosa: Solo Militari
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Solo Italiane
Località: Friuli-Venezia Giulia

Richiesta delucidazioni per gli EOD

Messaggio da ciccio »

Buongiorno a tutti, ma specialmente per gli EOD professionisti che seguono questo forum. In occasioni dei frequenti interventi di disinnesco e brillamento delle purtroppo numerose bombe di aereo alleate che ancora riempiono i giornali locali mi permetto di porre delle domande a chi si dedica a questo. Da lettore di giornale mi sembra di capire che la prassi seguita dagli EOD in Italia consista fondamentalmente dal dispolettamento manuale delle bombe ed il conseguente trasporto in un sito preparato al brillamento. Per le mie conoscenze, e guardando i numerosi schemi che si trovano in internet, la parte decisamente più pericolosa risulta quella della rimozione delle spolette, una volta avvenuta, la bomba risulta essere solo un grande contenitore metallico pieno di tritolo, materiale che volutamente risulta essere non pericoloso se privo di innesco. Rimango alquanto perplesso quando sento di intere squadre di militari, uso di mezzi meccanici, brillamenti e addirittura di città intere evacuate e soprattutto di costi elevatissimi per l'erario quando invece si sente di tecniche alternative (usate in passato o in altri paesi) che prevedono taglio degli involucri metallici in situ con dispositivi ad alta pressione, con svuotamento con acqua calda ecc . Capisco che gli attuali protocolli di intervento siano prima di tutto stabiliti dall'alto, ma mi piacerebbe sapere se è possibile sentire delle motivazioni in merito.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Avatar utente
EOD ITALIANO
Friends
Friends
Messaggi: 742
Iscritto il: 14/03/2014, 21:04
Collezionista: No
cosa: Solo Militari
range: Altro
Nazionalita: Tutte
Località: TORINO
Grazie Inviati: 23 volte
Grazie Ricevuti: 11 volte

Re: Richiesta delucidazioni per gli EOD

Messaggio da EOD ITALIANO »

Innanzi tutto le spolette NON vengono rimosse a manualmente, ma tramite rocket wrench (chiave a razzo) a distanza (200mt), ed è già successo tempo fa che durante la rimozione delle spolette che la bomba esplodesse, inoltre, anche NOI EOD ITALIANI a seconda della situazione (non sempre è possibile svitare le spolette) utiliziamo apparecchiature per il taglio delle bombe d'aereo, e esiste un margine di rischio anche utilizzando queste tecniche "alternative", che alternative NON sono, e gli altri, francesi, tedeschi, inglesi, ecc ecc, HANNO SOLO DA IMPARARE DA NOI EOD ITALIANI, tant' è vero che vengono a vedere alla Cecchignola, al Centro d'Eccellenza Counter Ied ( Scuola del Genio) quali tecniche impieghiamo, inoltre, in rete su internet, per quanto riguarda il NOSTRO lavoro ci sono un sacco di stronzate che girano, per quanto riguarda le distanze di sicurezza, anche se sembrano alquanto esagerate, mirano alla protezione del cittadino, e sono state stabilite con prove fatte sul campo, danni possibili a strutture e danni possibili ad esseri umani, ANCHE con le tecniche alternative (anche se remota), può esserci la possibilità di un esplosione accidentale, quindi DEVONO essere prese tutte le precauzioni possibili, per tutelare i cittadini, le strutture e il personale che opera sulla bomba d'aereo, quello che mi da fastidio , non per fare polemica, e quando NOI EOD VENIAMO sottovalutati, pensando che non siamo in grado di applicare tecniche diverse da quello che spesso viene visto o detto, SENZA OFFESA, prima di parlare di tecniche "alternative", che NOI APLICHIAMO a seconda dei casi, come quella poco conosciuta del congelamento delle spolette e cosi via, cerchiamo di informarci sul lavoro del personale EOD delle Forze Armate ITALIANE

Cia Aldo

CAPO NUCLEO BONIFICA ORDIGNI BELLICI 32° Reggimento GENIO GUASTATORI
. . . Fino alla fine
Avatar utente
ciccio
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 173
Iscritto il: 30/11/2006, 11:53
Collezionista: No
cosa: Solo Militari
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Solo Italiane
Località: Friuli-Venezia Giulia

Re: Richiesta delucidazioni per gli EOD

Messaggio da ciccio »

mi sembra di capire che sono stato offensivo sulla professionalità del personale specializzato...lungi da me anche perchè nn ne avrei la competenza. Chiedevo solo perchè le bombe, una volta dispolettate, vengono ancora trattate per il brillamento.....amen
Avatar utente
OLD1973
Direttivo
Direttivo
Messaggi: 5209
Iscritto il: 27/05/2010, 14:24
Collezionista: No
cosa: Nessuno
range: Nessuno
Nazionalita: Nessuno
Località: Milano
Grazie Inviati: 4 volte
Grazie Ricevuti: 25 volte

Re: Richiesta delucidazioni per gli EOD

Messaggio da OLD1973 »

Provo a dare una risposta meno "tecnica"...
La rimozione di una spoletta da una bomba, che questa avvenga con lo svitare il mero corpo spoletta oppure con il taglio a getto di acqua e sabbia ad alta pressione della porzione di involucro che interessa internamente la spoletta, deve avvenire in condizioni di totale sicurezza. Quindi debbono essere prese tutte le necessarie misure di messa in sicurezza ed interdizione della zona interessata dalle operazioni.
Se anche lo smontaggio riguarda una spoletta senza meccanismo di antirimozione, è imprescindibile adottare ogni accorgimento di sicurezza per evitare esplosioni accidentali e relativi danni collaterali.
Una volta rimossa la spoletta, in un modo o in un altro, il guscio e l'esplosivo vengono isolati in zona consona e distrutti in modo controllato.
E per fare ciò servono molte persone e molto ben preparate.
Old1973

Si vis pacem, para bellum.
Avatar utente
Andrea58
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7223
Iscritto il: 02/03/2008, 14:36
Collezionista: Si
cosa: Solo Militari
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Tutte
Località: Cuggiono-Lombardia
Grazie Inviati: 8 volte
Grazie Ricevuti: 13 volte

Re: Richiesta delucidazioni per gli EOD

Messaggio da Andrea58 »

ciccio ha scritto: 09/02/2020, 21:19 mi sembra di capire che sono stato offensivo sulla professionalità del personale specializzato...lungi da me anche perchè nn ne avrei la competenza. Chiedevo solo perchè le bombe, una volta dispolettate, vengono ancora trattate per il brillamento.....amen
[
No Ciccio non sei stato offensivo è Aldo che oltre a farsi il culo nel suo lavoro deve subire anche le direttive di persone totalmente a digiuno degli argomenti trattati che li sottovalutano costantemente e poi con ragione si invelenisce.
Per capirci, se gli artificieri che sono gli unici che ne capiscono e dovrebbero decidere chiedono uno sgombero di 500 metri, ma .........poi c'è chi per pararsi il deretano decide che sono meglio 2 km.
Questi qualcuno non sono militari ma civili che devono rispondere a referenti che alla fine sono solo dei politici. Sono costoro che causano i costi abnormi degli interventi mica gli artificieri.
Per uno come lui che è li in prima persona e rischia la pelle vedersi regolarmente scavalcare/sottovalutare è estremamente frustrante anche perchè chi lo fa non ne sa nulla in materia.
I nostri Eod sono estremamente preparati ed il loro lavoro è riconosciuto all'estero come di prima classe.
Per capire la differenza tra noi e gli altri cercati disinnesco bomba monaco su youtube e poi capirai subito la differenza
Skype Me™! Draco dormiens nunquam titillandus
lo spirito di Cesare, vagante in cerca di vendetta, con al suo fianco Ate uscita dall'inferno, entro questi confini con voce di monarca griderà "Sterminio", e scioglierà i mastini della guerra
Avatar utente
EOD ITALIANO
Friends
Friends
Messaggi: 742
Iscritto il: 14/03/2014, 21:04
Collezionista: No
cosa: Solo Militari
range: Altro
Nazionalita: Tutte
Località: TORINO
Grazie Inviati: 23 volte
Grazie Ricevuti: 11 volte

Re: Richiesta delucidazioni per gli EOD

Messaggio da EOD ITALIANO »

Mi scuso Ciccio, per essere stato un po' brusco nella risposta, hanno detto bene Old1973 e Andrea58, ci sono condizioni e condizioni in cui si trova una bomba d'aereo, il tipo di spoletta, la posizione, la località, a seconda della situazione e soprattutto delle condizioni delle spolette delle bombe d'aereo, decidiamo quale tecnica da usare per "inertizzare" l'ordigno e quali precauzioni prendere per salvaguardare l'incolumità della popolazione coinvolta, spesso la spoletta anteriore, per via dell'impatto si plasma sull'involucro della bomba stessa, e quindi, dato che è pericoloso trasportare un ordigno del genere innescato, si opta per il taglio della porzione di bomba cui si trova la spoletta, se invece la spoletta è "integra", cioè abbastanza ben messa, non troppo schiacciata, si opta per lo svitamento da remoto, tramite chiave a razzo (rocket wrench) da una distanza di 200mt con radio comando, oppure, sempre se la spoletta anteriore non è removibile si può usare l'azoto liquido che ad una temperatura di -275°(zero assoluto) si congela la spoletta per far si che le parti meccaniche non si muovano e la si trasporta in cava, o in un poligono dopo viene distrutta per brillamento, le tecniche che si possono usare sono diverse, qui ne ho enunciate alcune, ma bisogna vedere in quale contesto si trova la bomba, poi per quanto riguarda le distanze di sicurezza, se si ha un Incident Commander INTELLIGENTE che ragiona sulla situazione si riescono a dare distanze di sicurezza accettabili, ovviamente con opportuni lavori di protezione intorno alla bomba d'aereo, se invece l'Incident Commander non vuole prendersi responsabilità, segue quello che dicono le librette, che hanno delle distanze già pre calcolate per ogni tipologia di bomba, indipendentemente dai lavori di protezione e le applica alla lettera, così come previsto.

Ciao Aldo.
. . . Fino alla fine
Avatar utente
OLD1973
Direttivo
Direttivo
Messaggi: 5209
Iscritto il: 27/05/2010, 14:24
Collezionista: No
cosa: Nessuno
range: Nessuno
Nazionalita: Nessuno
Località: Milano
Grazie Inviati: 4 volte
Grazie Ricevuti: 25 volte

Re: Richiesta delucidazioni per gli EOD

Messaggio da OLD1973 »

EOD ITALIANO ha scritto: 10/02/2020, 20:10 Mi scuso Ciccio, per essere stato un po' brusco nella risposta, hanno detto bene Old1973 e Andrea58, ci sono condizioni e condizioni in cui si trova una bomba d'aereo, il tipo di spoletta, la posizione, la località, a seconda della situazione e soprattutto delle condizioni delle spolette delle bombe d'aereo, decidiamo quale tecnica da usare per "inertizzare" l'ordigno e quali precauzioni prendere per salvaguardare l'incolumità della popolazione coinvolta, spesso la spoletta anteriore, per via dell'impatto si plasma sull'involucro della bomba stessa, e quindi, dato che è pericoloso trasportare un ordigno del genere innescato, si opta per il taglio della porzione di bomba cui si trova la spoletta, se invece la spoletta è "integra", cioè abbastanza ben messa, non troppo schiacciata, si opta per lo svitamento da remoto, tramite chiave a razzo (rocket wrench) da una distanza di 200mt con radio comando, oppure, sempre se la spoletta anteriore non è removibile si può usare l'azoto liquido che ad una temperatura di -275°(zero assoluto) si congela la spoletta per far si che le parti meccaniche non si muovano e la si trasporta in cava, o in un poligono dopo viene distrutta per brillamento, le tecniche che si possono usare sono diverse, qui ne ho enunciate alcune, ma bisogna vedere in quale contesto si trova la bomba, poi per quanto riguarda le distanze di sicurezza, se si ha un Incident Commander INTELLIGENTE che ragiona sulla situazione si riescono a dare distanze di sicurezza accettabili, ovviamente con opportuni lavori di protezione intorno alla bomba d'aereo, se invece l'Incident Commander non vuole prendersi responsabilità, segue quello che dicono le librette, che hanno delle distanze già pre calcolate per ogni tipologia di bomba, indipendentemente dai lavori di protezione e le applica alla lettera, così come previsto.

Ciao Aldo.
[
clap clap clap
Old1973

Si vis pacem, para bellum.
Avatar utente
Centerfire
Direttivo
Direttivo
Messaggi: 5253
Iscritto il: 01/08/2005, 12:11
Collezionista: Si
cosa: Militari e Civili
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Tutte
Località: Firenze - Toscana
Grazie Inviati: 1 volta
Grazie Ricevuti: 16 volte

Re: Richiesta delucidazioni per gli EOD

Messaggio da Centerfire »

[264 [264 [264

clap clap clap

Ottimo intervento Aldo!
Condivido pienamente anche le considerazioni di Old ed Andrea. [264
Io (ne) ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi.
Navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione;
e ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhauser.
E tutti quei momenti andranno perduti nel tempo come lacrime nella pioggia.
È tempo di morire. (Blade Runner)
Avatar utente
baronerosso
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 54
Iscritto il: 21/10/2014, 14:11
Collezionista: No
cosa: Solo Militari
range: Altro
Nazionalita: Tutte
Grazie Inviati: 2 volte

Re: Richiesta delucidazioni per gli EOD

Messaggio da baronerosso »

con la tecnica che lei propone Ciccio il dispiego di forze mezzi e persone e il disagio per la popolazione si protrae per più giorni premessoche abbia capito il tuo pensiero ( tagliare e svuotare senza rimuovere ).
1 il personale specializzato è esposto ad una detonazione accidentale perche le distanze sper questo tipo di lavoro sono ridotte
2 i tempi di taglio e svuotamento sono lunghi immagina di sciogliere tnt con una lancia e acqua calda per un 130 kg di expl cira ? ci vuole molto.
Rispondi