LIBRO MUNIZIONAMENTO AERONAUTICO TEDESCO

Area dedicata al cartaceo
Avatar utente
Eniac
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 5735
Iscritto il: 20/06/2009, 9:53
Località: Abruzzo
Contatta:

Re: LIBRO MUNIZIONAMENTO AERONAUTICO TEDESCO

Messaggio da Eniac »

Allora non ho ben capito l'utilita della cosa, io credevo che si distruggesse dopo un volo di x metri dalla volata per evitare, nei duelli aerei, di beccare qualche collega , infatti con gli autodistruggenti in cui è presente il tracciatore si innesca l'esplosione dell'ogiva quando appunto il tracciatore arriva alla carica distruttiva e non quando cade a terra, per cui non vedo l'utilita di questo sistema, che vantaggio c'è a far espodere l'ogiva quando cade a terra ???? Forse non ho ben capito il funzionamento ? Ricapitolo.... allo sparo la forza centrifuga sposta le sferette e quindi viene attivata la spoletta che all'impatto, avendo il percussore libero, esplode, diciamo che è una specie di sicura, la spoleta si attiva solo quando è sparato il proietto, diminuendo la forza centrifuga le sferette tornano in posizione di "sicura" e il proietto non puo piu esplodere e cade a terra inerte..se è cosi non è una auto-distruzione ma solo un meccanismo di sicura, ho sbagliato ???
Copyright © CeSIM Munizioni 2023. All Rights Reserved.
Avatar utente
EOD ITALIANO
Collaboratori
Collaboratori
Messaggi: 874
Iscritto il: 14/03/2014, 21:04
Località: TORINO

Re: LIBRO MUNIZIONAMENTO AERONAUTICO TEDESCO

Messaggio da EOD ITALIANO »

Eniac, non tutte le spolette o i proietti anti aereo hanno l'autodistruzione, molte spolette sono soltanto a percussione, non solo quelle tedesche, ma anche quelle di altri paesi belligeranti, sicuramente, credo per questioni economiche, il costo di un proietto o di una spoletta con autodistruggente è sicuramente superiore ad una spoletta o proietto senza autodistruzione, poi i funzionamenti delle spolette variano da tipo e modello, ad esempio alcune spolette americane per i 20mm senza autoditruggente, quando non colpivano il bersaglio e arrivavano al suolo, rimanevano inesplose.
Ciao
Aldo
. . . Fino alla fine
Rispondi