Aiuto per palle 6,5x52 carcano

Ricarica e calibrazione

miky

Messaggio da miky »

l'unico caricamento affidabile per un carcano Mod. 91 con la canna ORIGINALE consunta o meno è: 38 grani di W760 innesco magnum e palla hornady da '268 . Il Carcano è un fucile particolare reso ancora più particolare dagli interventi normalmente effettuati nel corso della storia di ciascun pezzo. Negli anni 65/75 molti furono ricamerati con canne trafilate a '264 . se usi la palla 268 scoppiano. I TUBATA invece rispettano la giusta misura. Fondamentale è fare il calco della volata .
carcano

Messaggio da carcano »

miky ha scritto:
l'unico caricamento affidabile per un carcano Mod. 91 con la canna ORIGINALE consunta o meno è: 38 grani di W760 innesco magnum e palla hornady da '268 . Il Carcano è un fucile particolare reso ancora più particolare dagli interventi normalmente effettuati nel corso della storia di ciascun pezzo. Negli anni 65/75 molti furono ricamerati con canne trafilate a '264 . se usi la palla 268 scoppiano. I TUBATA invece rispettano la giusta misura. Fondamentale è fare il calco della volata .
Miki, non ci sono dubi in merito ma le considerazioni di molti sono che le palle Hornady generino pressioni alte in taluni Carcano con canne molto strette. L'esempio che ho riportato dell'incidente al tiratore statunitense è emblematico: lui ha usato esattamente le componenti che tu dici ma il bossolo dopo lo sparo ha avuto il fondello quasi staccato e la tasca dell'innesco di era allargata moltissimo. Su quel forum, dopo vari interventi che ipotizzavano anche un problema di luce di cameratura, sono giunti alle conclusioni di cui sopra. Uno di questi, che dice di aver eseguito numerose sperimentazioni col carcano, dice che la Hormady ha dovuto fare una mantellatura della palla molto spessa e dura perchè altrimenti le profonde righe della canna (che ricordo sono molto profonde rispetto agli standard dell'epoca come dice Dave Hemary) strappavano la camiciatura o la incidevano troppo raggiungendo il piombo. Purtroppo questo ha fatto si che la nuova palla venga, diciamo, schiacciata dalle rigature mentre si intaglia ed il materiale si sposta ai lati determinando un aumento del diametro. E' ovvio che in una canna forata a .268 la palla che già misura quel diametro, che quindi già passa a fatica, nel transito faccia emergere pressioni più alte. Cosa ne pensi in merito ?
Cordialità carcano
Avatar utente
Centerfire
Direttivo
Direttivo
Messaggi: 5356
Iscritto il: 01/08/2005, 12:11
Collezionista: Si
cosa: Militari e Civili
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Tutte
Località: Firenze - Toscana
Grazie Inviati: 8 volte
Grazie Ricevuti: 24 volte

Messaggio da Centerfire »

Perdonatemi se mi inserisco nella vostra discussione pur non essendo un'esperto di ricarica....
Purtroppo come metalmeccanico sono allergico alle misure della "perfida Albione" e riesco a farmi un'idea chiara solo col Sistema Metrico Internazionale...
Allora, i proiettili in diametro .264 corrispondono a mm 6.705, quelli in .268 a mm 6.807... càspita, è un decimo di millimetro di più, ci scommetto che si incastrano!!!
Ho misurato col calibro digitale 6 proiettili in maillechort e 6 in acciaio ramato, la misura è sempre 6.75 / 6.76 mm (.266) qual'è allora il valore giusto per questa munizione?
Per riprova ho misurato il diametro nei solchi di 7 proiettili sparati e recuperati integri in ottimo stato di conservazione, i valori variano fra 6.52 e 6.55 millimetri mentre i pieni oscillano fra 6.72 e 6.75 mm.
Spinto dalla curiosità sono andato a cercare sul libro "L'esperto Balistico Vol. 2" di Antonio Ugolini i valori dimensionali tipici per questa munizione, il diametro della palla è indicato in 6.77 mm (con una pressione di esercizio di 3200 Bar). Per la canna segna mm 6.48 sui pieni (foratura) e 6.78 nei cavi, vi risultano giusti questi valori?
[ciao2]
Avatar utente
Andrea58
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7323
Iscritto il: 02/03/2008, 14:36
Collezionista: Si
cosa: Solo Militari
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Tutte
Località: Cuggiono-Lombardia
Grazie Inviati: 10 volte
Grazie Ricevuti: 18 volte

Messaggio da Andrea58 »

Parlando con un'amico leggermente fissato con i 91 mi riportava quanto successo a lui e l'ipotetica spiegazione del perchè di certi problemi.
Aveva un certo numero di cartucce ricaricate giuste con le palle in questione e le ha sparate in un 91 corto. Tutto bene.
Poi le stesse in un 91 lungo, botta allucinante, bossolo sderenato ed sede innesco dilatatissima.
Spiegazione fornita. La carica stava ancora bruciando quando la palla ha trovato l'inizio della rigatura progressiva ed ha rallentato. Da questo l'innalzamento repentino delle pressioni con conseguenti problemi.
Per me il discorso fila, palla abbondante+rallentamento in canna= picco pressorio.
Comunque il 91 ha retto bene senza cedimenti ne deformazioni.
Ciao
Andrea
Avatar utente
Centerfire
Direttivo
Direttivo
Messaggi: 5356
Iscritto il: 01/08/2005, 12:11
Collezionista: Si
cosa: Militari e Civili
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Tutte
Località: Firenze - Toscana
Grazie Inviati: 8 volte
Grazie Ricevuti: 24 volte

Messaggio da Centerfire »

Andrea58 ha scritto:
Spiegazione fornita. La carica stava ancora bruciando quando la palla ha trovato l'inizio della rigatura progressiva ed ha rallentato.
Aiuto, mi sono incasinato nel capire questa motivazione!
Due fatti:
Primo - La carica di propellente continua a bruciare anche nella parte della canna prossima alla camera di scoppio, ovviamente il pìcco di pressione si genera quando ancora il proiettile non si è allontanato dal bossolo e le pareti della canna sono dimensionate all'uòpo...
Secondo - La rigatura "progressiva" fù inventata dagli ingengneri italiani (segreto militare!!!) proprio per ovviare al problema dei picchi di pressione e dell'usura eccessiva della rigatura nella parte iniziale.
In pratica le righe partono quasi diritte per poi in capo ad un giro completo della palla raggiungere il passo standard. Questo diminuisce lo sforzo necessario per l'incisione-deformazione del mantello e rendere più tranquilla la progressione delle pressioni.
Se ricordo bene era un procedimento piuttosto laborioso e costoso rigare così le canne e dopo qualche anno abbandonarono questa tecnica perché svilupparono polveri più adatte al calibro.
Ad onor del vero non sò quanto free-boring ha il Carcano ma non penso che la palla faccia molta strada prima di trovare i solchi, altrimenti sì che si frena di colpo!

Nella spiegazione da te citata sembrerebbe che il pìcco pressorio si sia generato quando il proiettile era ben lontano dal bòssolo... ma allora era già impegnato nella rigatura!!!!


Fuori tema: le .22 hanno il FB negativo per dare modo alla polvere di raggiungere più facilmente la pressione di lavoro![:D]
[ciao2]
Avatar utente
Andrea58
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7323
Iscritto il: 02/03/2008, 14:36
Collezionista: Si
cosa: Solo Militari
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Tutte
Località: Cuggiono-Lombardia
Grazie Inviati: 10 volte
Grazie Ricevuti: 18 volte

Messaggio da Andrea58 »

Centerfire ha scritto:
Andrea58 ha scritto:
Spiegazione fornita. La carica stava ancora bruciando quando la palla ha trovato l'inizio della rigatura progressiva ed ha rallentato.
Aiuto, mi sono incasinato nel capire questa motivazione!
Due fatti:
Primo - La carica di propellente continua a bruciare anche nella parte della canna prossima alla camera di scoppio, ovviamente il pìcco di pressione si genera quando ancora il proiettile non si è allontanato dal bossolo e le pareti della canna sono dimensionate all'uòpo...
Secondo - La rigatura "progressiva" fù inventata dagli ingengneri italiani (segreto militare!!!) proprio per ovviare al problema dei picchi di pressione e dell'usura eccessiva della rigatura nella parte iniziale.
In pratica le righe partono quasi diritte per poi in capo ad un giro completo della palla raggiungere il passo standard. Questo diminuisce lo sforzo necessario per l'incisione-deformazione del mantello e rendere più tranquilla la progressione delle pressioni.
Se ricordo bene era un procedimento piuttosto laborioso e costoso rigare così le canne e dopo qualche anno abbandonarono questa tecnica perché svilupparono polveri più adatte al calibro.
Ad onor del vero non sò quanto free-boring ha il Carcano ma non penso che la palla faccia molta strada prima di trovare i solchi, altrimenti sì che si frena di colpo!

Nella spiegazione da te citata sembrerebbe che il pìcco pressorio si sia generato quando il proiettile era ben lontano dal bòssolo... ma allora era già impegnato nella rigatura!!!!


Fuori tema: le .22 hanno il FB negativo per dare modo alla polvere di raggiungere più facilmente la pressione di lavoro![:D]
[ciao2]
Il tuo ragionamento non fa una grinza ma il problema è che si è costretti ad usare palle oversize che già sono al limite delle tolleranze. Qualsiasi ulteriore fattore di cambiamento evidentemente può generare problemi.
Si il proiettile era già impegnato dalla rigatura e stava evidentemente transitando nel tratto di cambio passo. Le pressioni evidentemente erano già altine causa palla e la polvere giusta per il moschetto, ipotizzo abbastanza vivace e questo ha causato problemi.
Ciao
Andrea
Gunny57

Messaggio da Gunny57 »

Bene bene sono riuscito a recuperare circa 300 palle militari originali, le ho provate a pesare ce ne fosse una uguale all'atra come peso variano da i 158.5 grani ai 163 grani ,ora appena posso misuro la larghezza, pero con queste palle e la Vitauori 160 va' che e' un piacere.
Gran fucile il 91.
Un salutoa atutti
russian

Messaggio da russian »

ti poosono interessare Gunny delle palle originali?
Gunny57

Messaggio da Gunny57 »

russian ha scritto:
ti poosono interessare Gunny delle palle originali?
Certo che mi interessano.....dimmi dimmi.
[ciao2]
Un saluto
davide

Messaggio da davide »

Anche la sierra fa palle cal..268 da 160 gr, blindate ma con punta esposta. Mi asicura un mio amico, perfezionista della ricarica, che sono molto vicine a quelle originali. le ha pagate0,28 euro cadauna.
piuttosto: dove avete trobato la polvere Winchester 760? in Provincia di Cremona e zone limitrofe è introvabile!!!
Ciao a tutti
Rispondi