9 x 25,2 Mauser Export Italiana

Munizioni fino a 20mm
Avatar utente
Aorta10
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 1227
Iscritto il: 09/10/2005, 10:15
Collezionista: No
cosa: Solo Militari
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Solo Italiane
Località: Emilia Romagna

Messaggio da Aorta10 »

Ciao,mi sembra di ricordare che la C-96 fosse in dotazione alla R.Marina all'inizio del '900 ma il calibro era un 7,63x25 (7,63 Mauser).
Lafitte

Messaggio da Lafitte »

Ciao Giovanni, bel problema ci hai proposto con questa patrona!
Secondo me la data di produzione è indicativa, potrebbe trattarsi di una fabbricazione nazionale per armi utilizzate da truppa d'occupazione tedesca in Italia, infatti potrebbe essere che alcune formazioni utilizzassero effettivamente l'MP34(o) in zona, quindi sarebbe stato più facile il rifornimento direttamente in Italia che farlo pervenire dalla Germania.
Il fatto che porta l'indicazione M38 potrebbe essere sintomatico del fatto che utilizzava lo stesso tipo di caricamento, infatti l'M38 era notoriamente più potente del 9para.
Il fatto che il bossolo sia più lungo non dovrebbe aver creato grossi problemi costruttivi in quanto bastava modificarne la lunghezza del taglio al collarino.
Quanto alla palla è italiana? a guardarla così sembrerebbe avere la classica brunitura nera dei normali 9para tedeschi, si potrebbe ipotizzare che le ogive pervenissero direttamente dalla Germania, se ciò non fosse che differenza ponderale esiste tra la palla di un 9para tedesco e quella di una M38?
C'è anche da dire che con tutta probabilità in giro per l'Italia esistevano sicuramente delle C96 Mauser Export e qualcosa sparavano dal 1908 al 43, vista la malpartita dopo il 43 tutto quello che poteva sparare veniva utilizzato onde per cui era necessario anche rifornirne il munizionamento.
[ciao2][ciao2]
Avatar utente
giovanni
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 2049
Iscritto il: 22/04/2005, 1:08
Collezionista: Si
cosa: Militari e Civili
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Tutte
Località: Veneto - Padova - Italy
Contatta:

Messaggio da giovanni »

Ciao a tutti
purtroppo il mistero, a parte la spiegazione data da AORTA, resta tale dato che le uniche Mauser ad utilizzare la cartuccia 9 Mauser Export furono il modello Mauser Selbstladepistole C96 9 Parabellum 1915 (si tratta del famoso modello con il 9 inciso in rosso, tranne pochissimi esemplari in nero, sul manico) che fu camerata per questo calibro solo sperimentalmente e quanto mi è dato sapere le poche pistole prodotte furono poi anch’esse convertite al 9 Para, l'altra è la Mauser. Model 712 prodotta in pochissimi esemplari nel calibro in questione.
Difficile poi che per i pochi P28 presenti presso le truppe Tedesche (era stato utilizzato soprattutto durante la guerra di Spagna) giustificasse una produzione in loco, come già accennato, anche la produzione del Solothurn era stata interrotta nel 1940
I tedeschi durante il conflitto produssero la 9 Mauser Esport soprattutto presso lo stabilimento P635 che si trovava in Austria (si tratta della Otto Eberhardt Patronenfabrik, Gustloff Werke A.G., Hirtenberger ) oltre che nello stabilimento P405 (Rheinisch-Westfälische Sprengstoff A.-G., precedentemente Gustav Genschow & Co., Werk Durlach, sito in Germania e che nel 1941 assunse il codice dnh) per cui non sarebbe giustificata neanche la motivazione logistica.
Va del resto ricordato che per avviare una nuova produzione i problemi tecnici non sono indifferenti per cui la motivazione doveva essere "seria".
Per quanto riguarda la palla si tratta di un modello estremamente più lungo e pesante, come già ricordato, di quello utilizzato sia dalle 9 Para Tedesche che da quelle Italiane. Il fatto poi che sia in cupro-nichel esclude che si tratti di palle Tedesche fornite all’Italia perché l’utilizzo di questo materiale era stato eliminato dalla produzione tedesca di questo calibro a partire dal 1940.
Confermo che le C96 della Marina erano in 7,63 Mauser.
Giovanni [:)][:)][:)]
Rispondi