Projector Infantry Anti Tank: PIAT

Tutto il meglio sulle bombe da mortaio
Avatar utente
Andrea58
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7252
Iscritto il: 02/03/2008, 14:36
Collezionista: Si
cosa: Solo Militari
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Tutte
Località: Cuggiono-Lombardia
Grazie Inviati: 10 volte
Grazie Ricevuti: 14 volte

Re: Projector Infantry Anti Tank: PIAT

Messaggio da Andrea58 »

Molto bello come pezzo, meno bello come ordigno bellico dato che venne fatto per sopperire alla mancanza di armi anticarro da parte degli inglesi in fretta e furia. Utilizzava dei concetti balistici moderni ma risultò una mezza schifezza. L'utilizzo migliore che se ne poteva fare non era anticarro ma bensì contro postazioni fisse e pure non troppo distanti. L'unico vantaggio era la mancanza di scie e la relativa silenziosità. La modesta gittata lo rendevano quasi pericoloso per il lanciatore e la famigerata molla di innesco della carica era durissima. Dichiaravano 21 mm di acciaio a 300 metri ma per ottenere risultati apprezzabili di precisione la distanza di tiro, all'atto pratico non doveva superare i 20/30 metri.
Skype Me™! Draco dormiens nunquam titillandus
lo spirito di Cesare, vagante in cerca di vendetta, con al suo fianco Ate uscita dall'inferno, entro questi confini con voce di monarca griderà "Sterminio", e scioglierà i mastini della guerra
Cariatide62

Re: Projector Infantry Anti Tank: PIAT

Messaggio da Cariatide62 »

Andrea58 ha scritto:Molto bello come pezzo, meno bello come ordigno bellico dato che venne fatto per sopperire alla mancanza di armi anticarro da parte degli inglesi in fretta e furia. Utilizzava dei concetti balistici moderni ma risultò una mezza schifezza. L'utilizzo migliore che se ne poteva fare non era anticarro ma bensì contro postazioni fisse e pure non troppo distanti. L'unico vantaggio era la mancanza di scie e la relativa silenziosità. La modesta gittata lo rendevano quasi pericoloso per il lanciatore e la famigerata molla di innesco della carica era durissima. Dichiaravano 21 mm di acciaio a 300 metri ma per ottenere risultati apprezzabili di precisione la distanza di tiro, all'atto pratico non doveva superare i 20/30 metri.
Ciao Andrea, concordo su tutto, era un'arma di "emergenza" in un momento in cui si doveva a basso costruire un'arma che sostituisse l'ormai obsoleto ed inutile "fucilone anticarro".
Molto pericoloso nell'uso per lo stesso lanciatore. Il range dei 300 metri teorici....rimase solo teorico. Comunque anche solo per la carica che conteneva ritengo un pochino riduttivo il range max pratico dei 20 metri. Sarebbe stato un suicidio ad ogni colpo.
Avatar utente
Andrea58
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7252
Iscritto il: 02/03/2008, 14:36
Collezionista: Si
cosa: Solo Militari
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Tutte
Località: Cuggiono-Lombardia
Grazie Inviati: 10 volte
Grazie Ricevuti: 14 volte

Re: Projector Infantry Anti Tank: PIAT

Messaggio da Andrea58 »

Cariatide62 ha scritto:
Andrea58 ha scritto:Molto bello come pezzo, meno bello come ordigno bellico dato che venne fatto per sopperire alla mancanza di armi anticarro da parte degli inglesi in fretta e furia. Utilizzava dei concetti balistici moderni ma risultò una mezza schifezza. L'utilizzo migliore che se ne poteva fare non era anticarro ma bensì contro postazioni fisse e pure non troppo distanti. L'unico vantaggio era la mancanza di scie e la relativa silenziosità. La modesta gittata lo rendevano quasi pericoloso per il lanciatore e la famigerata molla di innesco della carica era durissima. Dichiaravano 21 mm di acciaio a 300 metri ma per ottenere risultati apprezzabili di precisione la distanza di tiro, all'atto pratico non doveva superare i 20/30 metri.
Ciao Andrea, concordo su tutto, era un'arma di "emergenza" in un momento in cui si doveva a basso costruire un'arma che sostituisse l'ormai obsoleto ed inutile "fucilone anticarro".
Molto pericoloso nell'uso per lo stesso lanciatore. Il range dei 300 metri teorici....rimase solo teorico. Comunque anche solo per la carica che conteneva ritengo un pochino riduttivo il range max pratico dei 20 metri. Sarebbe stato un suicidio ad ogni colpo.
Quasi, quella era la distanza per avere la certezza su carri della taglia del Panther se non ricordo male. Credo che comunque funzionasse solo sul fianco del carro, frontalmente era dura ottenere un risultato su corazze angolate. Non dimentichiamo comunque che i parigrado tedeschi avevano lo stesso problema. Se vuoi il risultato ti devi avvicinare. Sarà per quello che c'era la medaglia per i cacciatori di carri? [icon_246 [icon_246 [icon_246 Spesso mi sà alla memoria [255 [255 [255
Skype Me™! Draco dormiens nunquam titillandus
lo spirito di Cesare, vagante in cerca di vendetta, con al suo fianco Ate uscita dall'inferno, entro questi confini con voce di monarca griderà "Sterminio", e scioglierà i mastini della guerra
Avatar utente
mufasa
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 70
Iscritto il: 10/09/2005, 7:18
Collezionista: No
cosa: Solo Militari
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Solo Italiane
Località: Rimini

Re: Projector Infantry Anti Tank: PIAT

Messaggio da mufasa »

.. complimenti veramente!!!! per il proiettile, per come è stato stupendamente somontato, conservato e presentato!!!!! e anche se come avete scritto, ha la fama di essere più macchinoso e pesante e meno affidabile e pratico dei suoi equivalenti tedeschi mi è sempre stato simpatico il Piat nella sua aria inequivocabilmente "inglese"..... sull'affidabilità, se ben ricordo, nell'azione dii Ernest Smith (Smoky) sul Savio (il fiume di Vesena) che gli valse la Victoria Cross per la distruzione appunto con questo di un carro tedesco e l'eliminazione del plotone che lo seguiva, il primo Piat o non funzionò, o ebbe qualche magagna perchè operò con un secondo.... una bella foto di una altro soldato canadese, sempre col suo Piat (questo del 48th Higlanders of Canada mentre Smoky era dei Seaforty), sul Foglia a Pesaro nel settembre 1944
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
cerco wehrpass linea Gotica adriatica
Cariatide62

Re: Projector Infantry Anti Tank: PIAT

Messaggio da Cariatide62 »

Se non erro l'affidabilità del Piat era spesso messa in discussione per il suo meccanismo di armamento della cartuccia di lancio. Il Piat infatti veniva letteralmente sparato con l'utilizzo di una cartuccia che veniva inserita nel codolo. Per questo motivo il lanciatore era molto pesante rispetto es. al Bazooka che era un lanciarazzi (il proiettile razzo era autopropulso). Il problema che un eventuale "cilecca" o "misfiring" comportava la necessità di riarmare il lanciatore manualmente. Operazione non facile da eseguirsi in circostanze belliche. Di contro la potenza distruttiva del Piat era di molto superiore a quella del collega americano, che vantava invece una gittata utile notevole.
Avatar utente
norby73
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 321
Iscritto il: 22/04/2005, 18:35
Collezionista: Si
cosa: Solo Militari
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Tutte
Località: Veneto
Grazie Ricevuti: 2 volte

Re: Projector Infantry Anti Tank: PIAT

Messaggio da norby73 »

Cariatide62 ha scritto:Se non erro l'affidabilità del Piat era spesso messa in discussione per il suo meccanismo di armamento della cartuccia di lancio. Il Piat infatti veniva letteralmente sparato con l'utilizzo di una cartuccia che veniva inserita nel codolo. ....
No, posso sbagliarmi ma il PIAT non aveva nessuna carica di lancio, il proiettile veniva lanciato dalla molla con un rinculo che era assolutamente un calcio di mulo, questa molla poteva venire ricaricata solo con un attrezzo speciale e chiaramente non in prima linea, da qui i problemi di avere due armi al seguito se una faceva cilecca mancando il bersaglio.
Cariatide62

Re: Projector Infantry Anti Tank: PIAT

Messaggio da Cariatide62 »

Caspita, gli inglesi sono gli inventori della prima arma anticarro a molla..... [17
Avatar utente
norby73
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 321
Iscritto il: 22/04/2005, 18:35
Collezionista: Si
cosa: Solo Militari
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Tutte
Località: Veneto
Grazie Ricevuti: 2 volte

Re: Projector Infantry Anti Tank: PIAT

Messaggio da norby73 »

naturalmente ho dimenticato di dire che la molla accendeva la carica del proietto e non la carica di lancio che non esisteva [icon_246 [icon_246
Avatar utente
TELLER67
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 239
Iscritto il: 27/01/2009, 21:50
Collezionista: No
cosa: Solo Militari
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Solo Italiane
Località: Venezia

Re: Projector Infantry Anti Tank: PIAT

Messaggio da TELLER67 »

Ciao Norby, cosa intendi dire che la molla accendeva la carica del proietto? Forse che aveva una miccia che da dietro faceva saltare la carica principale?
Se intendevi quello, mi dispisce ma ti devo contraddire. Il PIAT aveva una spoletta anteriore ultrasensibile, che all'urto contro il bersaglio trasmetteva l'urto esplosivo di una capsula ad un relè formato da due detonatori collegati da un tratto di miccia detonante rivestita da un lamierino, e che andava dal retro della spoletta alla base della carica esplosiva, proprio per farla reagire partendo dal di dietro e assicurare il principio della carica cava (perforante).

Ecco la spoletta
n°426.jpg
ed ecco il detonatore - relè
detonatore_PIAT.jpg
Riguardo il simulacro di Cariatide posso dire che proviene sicuramente da una delle cassette didattiche del Ministero della Difesa e che vennero consegnate a tante scuole per insegnare ai bambini a riconoscere le forme di questi pericolosissimi ordigni.

Quello che è contenuto nel porta spoletta non è una capsula - detonatore inertizzata, come indicato da Cariatide, ma una falsa spoletta, che aveva lo scopo di preservare da ammaccature e possibile accesso di corpi estranei l'alloggiamento della spoletta.
Per quanto riguarda l'esplosivo impiegato, quello indicato su questo simulacro è la miscela RDX-TNT, non solo TNT (troppo poco potente in funzione anticarro), simile alla Tritolite italiana. L'altro esplosivo largamente impiegato nelle bombe PIAT era la gelatina 808, a base di nitroglicerina e per questo non molto stabile alle variazioni di temperatura. In particolare posso testimoniare che in Romagna mi capitò di bonificare una buca contenente più di un centinaio di queste bombe caricate con gelatina, le quali emanavano un fastidioso odore di mandorle amare. Nei manuali non c'è scritto che contenessero anche sostanze cianogene, ma è possibile che lo avessero aggiunto nella miscela esplosiva per aumentare gli effetti letali.

Infine la disamina sul sistema di lancio. Mi dispiace dirlo, ma non è a molla. All'interno del governale è sistemata una cartuccia di lancio contenente cordite in piastrelle che viene colpita dal percussore dell'arma. La cartuccia ha un diametro di 20 mm e una lunghezza di 27 mm. Alla base c'è la capsula che viene percossa dal percussore. Il rinculo permette all'arma di ricaricare il percussore.
I manuali italiani riportano che si disponeva l'impiego contro mezzi corazzati da non più di 100 m e contro bersagli fissi da non più di 300 m. Il potere perforante era di 12 cm su acciaio e 30 cm per il cemento.

Ciao
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
ermanno
Avatar utente
norby73
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 321
Iscritto il: 22/04/2005, 18:35
Collezionista: Si
cosa: Solo Militari
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Tutte
Località: Veneto
Grazie Ricevuti: 2 volte

Re: Projector Infantry Anti Tank: PIAT

Messaggio da norby73 »

Tutto ottimo teller, finalmente si capisce come funzionava.
La mia obbiezione derivava da aver letto su un manualetto (che non riesco a trovare) che il PIAT non era possibile ricaricarlo sul campo se non con attrezzature dedicate, quindi assolutamente scomodo da usare sopratutto in caso di mancato bersaglio.
Rispondi