Spiegazione sulle artiglierie

Munizioni oltre 20mm
antigone

Spiegazione sulle artiglierie

Messaggio da antigone »

Un dilemma mi assale leggendo un libro sul primo conflitto mondiale..
si parla tanto di artiglierie varie,ma che differenza c'è fra obice, bombarda, cannone e semovente, anche se quest'ultimo non vi era all'epoca?
Avatar utente
TELLER67
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 239
Iscritto il: 27/01/2009, 21:50
Collezionista: No
cosa: Solo Militari
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Solo Italiane
Località: Venezia

Re: dil4spiegazione su artiglierie

Messaggio da TELLER67 »

Antigone, è un quesito che richiede una risposta piuttosto articolata, però farò un rapido riassunto, provvedendo poi a rispondere a tue eventuali altre domande più specifiche.
Anzi proveremo tutti a risponderti. Mica sono solo qui... [255

I tipi di artiglierie si dividono sostanzialmente in tre tipi, a seconda della lunghezza della bocca da fuoco e del tipo di tiro che sono in grado di esplicare.

La lunghezza della bocca da fuoco si misura convenzionalmente in calibri, ossia tante volte il calibro dell'arma. Esempio: il cannone da 76/40 è un cannone da 76mm con una bocca da fuoco lunga 40 calibri, cioè 40 volte 76mm = 3040 mm = 3,040 m.

I cannoni hanno una lunghezza della bocca da fuoco che va da 20 ad addirittura 100 calibri, hanno tiro teso, sparano proietti con grande velocità di bocca, adatti al tiro contraereo o controcarro.

Gli obici hanno una lunghezza della bocca da fuoco cha va da 10 a 20 calibri. Il loro tiro è caratterizzato da una traiettoria abbastanza curva, che permette di colpire bersagli posti dietro ostacoli.

I mortai hanno lunghezza della bocca da fuoco inferiore ai 10 calibri, e sono destinati a colpire prevalentemente bersagli fortemente defilati. Erano impiegati nelle artiglierie d'assedio.

Le bombarde invece furono un fenomeno ristretto alla prima guerra mondiale, dovuto al fatto che i fanti in prima linea avevano bisogno di un appoggio d'artiglieria immediato e localizzato. Queste bocche da fuoco generalmente ad anima liscia, leggere, versatili, e con una gittata decisamente inferiore a quello delle Artiglierie vere e proprie, ben si prestavano allo scopo. Ne vennero inventate di tanti tipi. A questo proposito ti consiglio di acquistare il libro di Bruno Marcuzzo "I bombardieri del Re" su cui ti potrai documentare approfonditamente sull'argomento.

Una cosa però rimase dall'esperienza delle bombarde della prima guerra mondiale e che che ancora oggi viene impiegato dagli eserciti di tutto il mondo: il mortaio (inteso come arma pesante di fanteria, per il supporto ravvicinato).

Infine l'ultimo quesito. Il termine semovente riguarda quelle artiglierie (cannoni o obici) dotati di un affusto dotato di motore e di organi di movimento. Ossia un pezzo di artiglieria che non debba essere trainato da un altro mezzo a motore o a traino animale, ma che sia autonomo nello spostamento.

Se hai altre domande, siamo tutti qui... [264

Ciao
ermanno
antigone

Re: dil4spiegazione su artiglierie

Messaggio da antigone »

grazie della tempestiva risposta, ma allora non vi erano semoventi nella grande guerra, se facciamo eccezzione per le artiglierie su rotaia?
Avatar utente
frasche
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 138
Iscritto il: 11/02/2007, 10:51
Collezionista: No
cosa: Solo Militari
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Solo Italiane
Località: Veneto

Re: dil4spiegazione su artiglierie

Messaggio da frasche »

semoventi no. ma esistevano gli auto-cannoni.
cioè cannoni di medio calibro montati su autocarri [257
avanti forza paris

art.52 della Costituzione Italiana
La difesa della Patria e' sacro dovere del cittadino. Il servizio militare e' obbligatorio nei limiti e modi stabiliti dalla legge. Il suo adempimento non pregiudica la posizione di lavoro del cittadino, ne' l'esercizio dei diritti politici. L'ordinamento delle Forze Armate si informa allo spirito democratico della Repubblica.
Avatar utente
TELLER67
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 239
Iscritto il: 27/01/2009, 21:50
Collezionista: No
cosa: Solo Militari
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Solo Italiane
Località: Venezia

Re: dil4spiegazione su artiglierie

Messaggio da TELLER67 »

Esatto frasche, quelli erano sostanzialmente dei semoventi. Nella seconda guerra mondiale si è arrivati a blindarli, corazzarli, come li conosciamo.
ermanno
Avatar utente
Centerfire
Direttivo
Direttivo
Messaggi: 5408
Iscritto il: 01/08/2005, 12:11
Collezionista: Si
cosa: Militari e Civili
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Tutte
Località: Firenze - Toscana

Re: Spiegazione sulle artiglierie

Messaggio da Centerfire »

Come "semovente" vale l'alpino col pezzo affardellato sulla schiena? [137

[icon_246
[0008024


Chiare ed esaustive le risposte di Teller! [264
Io (ne) ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi.
Navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione;
e ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhauser.
E tutti quei momenti andranno perduti nel tempo come lacrime nella pioggia.
È tempo di morire. (Blade Runner)
Avatar utente
Artmont
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 57
Iscritto il: 05/06/2009, 14:00
Collezionista: No
cosa: Solo Militari
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Solo Italiane
Località: Friuli

Re: dil4spiegazione su artiglierie

Messaggio da Artmont »

TELLER67 ha scritto: I cannoni hanno una lunghezza della bocca da fuoco che va da 20 ad addirittura 100 calibri, hanno tiro teso, sparano proietti con grande velocità di bocca, adatti al tiro contraereo o controcarro.

Gli obici hanno una lunghezza della bocca da fuoco cha va da 10 a 20 calibri. Il loro tiro è caratterizzato da una traiettoria abbastanza curva, che permette di colpire bersagli posti dietro ostacoli.
Non è proprio così...
Il limite fra obici e cannoni è 25, non 20.
Negli anni '70 avevamo il 105/22, che è un obice, il 155/23, che è un obice, e il 203/25, che è ancora un obice...
Avatar utente
TELLER67
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 239
Iscritto il: 27/01/2009, 21:50
Collezionista: No
cosa: Solo Militari
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Solo Italiane
Località: Venezia

Re: Spiegazione sulle artiglierie

Messaggio da TELLER67 »

Si, è abbastanza labile la cosa. Pensa che il 25 pr inglese della seconda guerra mondiale che nella nomenclatura italiana era l'88/27 era chiamato cannone-obice, vuoi perchè la carica era modulabile, o per qualche altro motivo... però la lunghezza in calibri della sua bocca da fuoco è da cannone.
ermanno
gewehr41

Re: Spiegazione sulle artiglierie

Messaggio da gewehr41 »

Ciao,
L' attuale Artiglieria Italiana utilizza solamente obici, mentre la fanteria, fra queste la corazzata e la cavalleria, utilizzano cannoni.
Pertanto la differenza fra obici e cannoni va ricercata prima di tutto nella carica di lancio, infatti quella degli obici è composto da elementi separati che permettono di poter costituire una carica a secondo del bersaglio; mentre la carica di lancio del munizionamento per cannoni è unica e la granata e saldamente aggraffata al bossolo, per permettere un tiro teso e non superiore a circa 2000 metri per i tiri controcarro.
Si pensi soltanto che il pezzo d'artiglieria da 175/60 (bocca da fuoco lunga 10,50 metri) è un obice con due elementi di carica di lancio e la sua gittata massima è di circa 30 Km.
Quindi dire che le artigliere da 10 a 20 calibri siano solo obici è un dato vecchio e credo questo metro di riconoscimento risalga alla fine dell 'ottocento quando alzi, vomeri e organi elastici non erano evoluti come quelli attuali.
ciao a tutti
curioso

Re: Spiegazione sulle artiglierie

Messaggio da curioso »

La differenziazione tra obice e cannone credo sia ormai labile e "variabile" infatti il pzh2000 è stato definito alla Scuola di Artiglieria di Bracciano come obice, pur essendo un 155/52.Di fatto ho l'impressione che vi sia sempre più la tendenza ad abbandonare, nell'artiglieria terrestre, il concetto di cannone, forse per una sua minore duttilità sul campo. Ovviamente escludendo le armi a relativa corta gittata quali i controcarro o i pezzi montati sui carri armati.
Saluti
Rispondi