I calibri BSA

Civili e Wildcat
Rispondi
Avatar utente
Pivi
Friends
Friends
Messaggi: 1661
Iscritto il: 17/01/2008, 18:30
Collezionista: Si
cosa: Solo Civili
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Tutte
Località: Tarcento-Friuli Venezia Giulia

I calibri BSA

Messaggio da Pivi »

La Birmingham Small Arms ( B.S.A.), oltre a costruire armi col proprio marchio, ideò anche alcune cartucce, nessuna delle quali ha avuto grosso successo.

Nel campo delle armi corte sviluppò la 28 BSA, la 34 BSA e la 39 BSA, accomunate dall’avere un bossolo cilindrico dotato di belt. Queste cartucce vennero pensate per un eventuale utilizzo militare ma, a causa della forma del bossolo, che provocava numerosi inceppamenti in armi automatiche, furono tutte scartate.
Oggi sono munizioni rarissime.

Per la caccia, nel 1921, videro la luce tre cartucce dotate di bossolo belted. Sono derivate dal bossolo del 375 H&H.
La 26 BSA ( detta anche 26 rimless Nitro Express) aveva un bossolo a collo di bottiglia simile al moderno 7 mm Remington magnum e veniva caricata con palle di .266” - .269” ( quindi più simili alle palle dei nostri ’91 che al 6.5 mm standard che è di .264”) pesanti solo 110 grani.
Le sue prestazioni lasciarono molto a desiderare ed ottenne una diffusione alquanto limitata.
Non andò meglio alla 33 BSA ( 33 rimless Nitro Express), una delle prime cartucce ad adottare palle da .338”. In effetti è dimensionalmente simile alla 338 Winchester magnum, ma non altrettanto potente. Caricata con proiettili di soli 165 grani di peso, si dimostrò scarsamente efficace nella caccia agli animali per cui era stata ideata.
La 40 BSA ( 40 rimless Nitro Express) utilizza un bossolo cilindrico lungo ben 2.85” ( si tratta in pratica di una 375 H&H resa cilindrica, con una sensibile conicità).Pochissime le armi camerate per questa cartuccia, tanto che le munizioni sono estremamente difficili da trovare.

Hoyem cita l’ esistenza di altri due calibri, entrambi rimasti allo stadio sperimentale: il 490 BSA, probabilmente basato sul 577 NE, e il 290 BSA, versione calibro .30 del 26 BSA.

La ditta sudafricana OPM di Otto Planyavsky è specializzata nella costruzione e caricamento di cartucce obsolete e introvabili. Offre anche un servizio di produzione su ordinazione di munizioni wildcat o con marchio personalizzato.
Ha allestito un lotto di 26 BSA e 40 BSA che vediamo nella foto.

Il 26 BSA ha un bossolo di produzione OPM ma è caricato con una palla originale Kynoch degli anni ’40. Il 40 BSA invece ha bossolo OPM e proiettile Hornady da .408” ( questa cartuccia ha infatti lo stesso diametro di palla del 405 Winchester). Al centro della foto una 33 BSA originale Kynoch, presumo degli anni ’40.
Allegati
Immagine 359.jpg
Visto 85 volte
Immagine 359.jpg
Immagine 359.jpg (119.95 KiB) Visto 85 volte
Immagine 358.jpg
Visto 85 volte
Immagine 358.jpg
Immagine 358.jpg (80 KiB) Visto 85 volte
Avatar utente
Andrea58
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7489
Iscritto il: 02/03/2008, 14:36
Collezionista: Si
cosa: Solo Militari
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Tutte
Località: Cuggiono-Lombardia

Re: I calibri BSA

Messaggio da Andrea58 »

Questo post lo avevvo perso, noto che avevano la passione per i pesi leggeri. Forse dopo anni di "lento e pesante" hanno cercato di sperimentare senza avere le polveri giuste.
Skype Me™! Draco dormiens nunquam titillandus
lo spirito di Cesare, vagante in cerca di vendetta, con al suo fianco Ate uscita dall'inferno, entro questi confini con voce di monarca griderà "Sterminio", e scioglierà i mastini della guerra
Rispondi