Come smontare le tiro ridotto?

Area relax e discussioni

Avatar utente
Andrea58
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7254
Iscritto il: 02/03/2008, 14:36
Collezionista: Si
cosa: Solo Militari
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Tutte
Località: Cuggiono-Lombardia
Grazie Inviati: 10 volte
Grazie Ricevuti: 14 volte

Re: Come smontare le tiro ridotto?

Messaggio da Andrea58 »

Pivi ha scritto:Con le ganasce si rovinerà la palla, molto meglio forarle.

Quelle descritte da Eniac si smontano col martello cinetico, la punta in plastica è inserita a pressione e può essere tirata via a mano
Sono ganasce tonde di alta precisione, il massimo tra un numero e l'altro è 1 mm. Per il 5,56 dovrei usare il 6 e a quanto dice sono delle "bestie" a cui puoi regolare la forza di presa in modo "millimetrico". Inoltre sembra che garantiscano la perfetta coassialità nella presa non schiacciando un segmento più dell'altro. Farò naturalmente la prova con un doppione per precauzione.
Quello che mi da da pensare maggiormente sarà il reinserimento della palla per quelle in "gomma" che ho paura sarà difficoltoso. Al massimo userò i dies del 223 per svasare il colletto e poi quelli a crimpare.
Skype Me™! Draco dormiens nunquam titillandus
lo spirito di Cesare, vagante in cerca di vendetta, con al suo fianco Ate uscita dall'inferno, entro questi confini con voce di monarca griderà "Sterminio", e scioglierà i mastini della guerra
Avatar utente
Pivi
Friends
Friends
Messaggi: 1658
Iscritto il: 17/01/2008, 18:30
Collezionista: Si
cosa: Solo Civili
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Tutte
Località: Tarcento-Friuli Venezia Giulia

Re: Come smontare le tiro ridotto?

Messaggio da Pivi »

Tutte le cartucce scaricate con il bullet puller della RCBS che ho potuto visionare avevano la palla ben segnata...ed erano palle in metallo!!!

Per vincere la tensione del colletto e la presa della crimpatura devi stringere le ganasce molto forte... per me è quasi impossibile che un attrezzo, per quanto ben costruito, riesca ad estrarre una palla che è quasi possibile scalfire con un unghia, senza lasciare segni ( o peggio...)
Avatar utente
Centerfire
Direttivo
Direttivo
Messaggi: 5278
Iscritto il: 01/08/2005, 12:11
Collezionista: Si
cosa: Militari e Civili
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Tutte
Località: Firenze - Toscana
Grazie Inviati: 1 volta
Grazie Ricevuti: 17 volte

Re: Come smontare le tiro ridotto?

Messaggio da Centerfire »

Quoto Pivi, conosco le pinze che descrivi, sono le ER32, le uso in fabbrica sui mandrini ISO40 delle fresatrici.
Hanno un range di un millimetro sotto al diametro nominale ma regolare la forza di serraggio non è semplice. Io l'ho usata per smontare il 12.7 Breda comperato a Bologna contando sul fatto che il proiettile in acciaio è robusto e cilindrico ed il bossolo già scarico non è crimpato come di fabbrica.
Tieni conto che per estrarre il proiettile di plasica devi come minimo serrarlo più di quanto lo stringa il colletto.. praticamente fai uno spaghetto!!! [icon_246
Io (ne) ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi.
Navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione;
e ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhauser.
E tutti quei momenti andranno perduti nel tempo come lacrime nella pioggia.
È tempo di morire. (Blade Runner)
Avatar utente
Andrea58
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7254
Iscritto il: 02/03/2008, 14:36
Collezionista: Si
cosa: Solo Militari
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Tutte
Località: Cuggiono-Lombardia
Grazie Inviati: 10 volte
Grazie Ricevuti: 14 volte

Re: Come smontare le tiro ridotto?

Messaggio da Andrea58 »

Ho fatto la prima prova sacrificando un 223 della wolf ordinario, è venuto bene ed in pratica senza segni. Penso che avvolgerò le palle nelle cartine per le sigarette e poi proverò. Comunque il povero lupo l'ho smontato in pratica tirando a mano.
Skype Me™! Draco dormiens nunquam titillandus
lo spirito di Cesare, vagante in cerca di vendetta, con al suo fianco Ate uscita dall'inferno, entro questi confini con voce di monarca griderà "Sterminio", e scioglierà i mastini della guerra
Rispondi