81 da identificare

Bombe da mortaio-Bombarde
Rispondi
Avatar utente
fb64
Super Moderatore
Super Moderatore
Messaggi: 582
Iscritto il: 25/07/2012, 16:43
Collezionista: Si
cosa: Militari e Civili
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Tutte
Località: Firenze

81 da identificare

Messaggio da fb64 »

Non essendo il mio settore chiedo aiuto per poter identificare queste due bombe da mortaio da 81
lato.jpg
Visto 299 volte
lato.jpg
lato.jpg (254.21 KiB) Visto 299 volte
I fori, passanti all'interno, posti in prossimità della filettatura per la spoletta a cosa servono. Su quella di destra (sparata) sono presenti queste punzonature "APP - O - 1975 - 81 - ST - M - 5, sull'altra nessuna traccia di scritte o punzoni.
apice.jpg
Visto 299 volte
apice.jpg
apice.jpg (230.4 KiB) Visto 299 volte
in quella di destra da quella specie di tappo con quattro fori si intravede un tondino che si allunga verso la coda (L'effetto ovalizzato è dovuto alla scansione per creare l'immagine).
codetta.jpg
Visto 299 volte
codetta.jpg
codetta.jpg (227.94 KiB) Visto 299 volte
innesco.jpg
Visto 299 volte
innesco.jpg
innesco.jpg (213.51 KiB) Visto 299 volte
Avatar utente
fert
Direttivo
Direttivo
Messaggi: 2923
Iscritto il: 15/05/2006, 14:05
Collezionista: Si
cosa: Solo Militari
range: Artiglieria
Nazionalita: Tutte
Località: Umbria

Re: 81 da identificare

Messaggio da fert »

Ciao
sono due bombe da mortaio CSST, caricamento speciale scuola tiro (fumogene). Al momento dell'impatto, non esplodeva ma emetteva fumo dai fori posizionati nei pressi del bocchino. Presumo che la sigla ST sia identificativa di Scuola Tiro. Credo che quella celeste sia piu moderna dell'altra, la quale aveva solo una fascia azzura al di sotto della fascia di centramento insieme alla scritta fumogena.
Avatar utente
Andrea58
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7495
Iscritto il: 02/03/2008, 14:36
Collezionista: Si
cosa: Solo Militari
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Tutte
Località: Cuggiono-Lombardia

Re: 81 da identificare

Messaggio da Andrea58 »

In quella azzurrina manca il tappo forato o veniva montata una normale spoletta inerte?
Skype Me™! Draco dormiens nunquam titillandus
lo spirito di Cesare, vagante in cerca di vendetta, con al suo fianco Ate uscita dall'inferno, entro questi confini con voce di monarca griderà "Sterminio", e scioglierà i mastini della guerra
Avatar utente
fb64
Super Moderatore
Super Moderatore
Messaggi: 582
Iscritto il: 25/07/2012, 16:43
Collezionista: Si
cosa: Militari e Civili
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Tutte
Località: Firenze

Re: 81 da identificare

Messaggio da fb64 »

Grazie, [264
Avatar utente
fert
Direttivo
Direttivo
Messaggi: 2923
Iscritto il: 15/05/2006, 14:05
Collezionista: Si
cosa: Solo Militari
range: Artiglieria
Nazionalita: Tutte
Località: Umbria

Re: 81 da identificare

Messaggio da fert »

Andrea58 ha scritto:In quella azzurrina manca il tappo forato o veniva montata una normale spoletta inerte?

sembra che non sia stata mai caricata, quindi è mancante del tutto.
Avatar utente
puma
Friends
Friends
Messaggi: 55
Iscritto il: 29/10/2012, 21:36
Collezionista: No
cosa: Solo Militari
range: Altro
Nazionalita: Tutte
Località: Italia

Re: 81 da identificare

Messaggio da puma »

Ciao a tutti...
Fert come sempre corretto e preciso ha chiarito ogni lato oscuro...la punzonatura indica che è da scuola tiro e la bomba in due diverse versioni di colorazione, denota un periodo storico diverso, seppure molto vicino...prima quella con la sola fascia e successivamente la completamente azzurra...
Nella logica della colorazione NATO sono complementari, ovvero poteva essere verde oliva con banda azzurra o completamente azzura, nella normativa piu' recente ma di soli pochi anni...la spoletta in realta' era una castagnola a percussione particolare, che come diceva Fert non faceva detonare la bomba ma ne accendeva una carica fumogena , che fuoriusciva dai fori e si poteva osservare a distanza...in gergo era detta anche Bomba Invernizzi, dal suo ideatore.
Il tappo forato in realta' era un pezzo di acciaio che aveva una lunga appendice che arrivava fino alla parte interna che corrispondeva al codolo della bomba, per equilibrare la bomba stessa e farle raggiungere un peso simile a quella di ghisa acciaiosa da guerra, conferendole altresi' le stesse caratteristiche balistiche.
Entrata in servizio prima degli anni 60, serviva all'addestramneto al tiro reale in poligono e per la corretta stima delle distanze di tiro...oltre ad essere di produzione economica, veniva recuperata dal terreno e rimandata in arsenale per essere , verificata, recuperata e ricaricata...per finire, le CSST erano prevalentemente costruite con le bombe che non superavano i migliori standard delle ordinarie da guerra ma rimanevano entro tolleranze buone, oppure con le bombe dei lotti di ripristino, ovvero quelle belliche che venivano smantellate e/o ricaricate, che non superavano tutti i collaudi di tolleranza.
Luigi...e Francesco bastard
Lunga ed impervia è la strada che dal paradiso si snoda verso la luce.

John Milton
Rispondi