Spolette italiane su bombe inglesi???

La bibbia delle bombe d'aereo
Rispondi
Avatar utente
OLD1973
Direttivo
Direttivo
Messaggi: 5521
Iscritto il: 27/05/2010, 14:24
Collezionista: No
cosa: Nessuno
range: Nessuno
Nazionalita: Nessuno
Località: Milano

Re: Spolette italiane su bombe inglesi???

Messaggio da OLD1973 »

Stefano, il discorso dell' acronimo LECCO è chiaro.
Io mi riferivo alla successiva affermazione sul documento " pare ne siano state trovate anche con la scritta Fratelli Fiocchi". Se, e rimarco SE, è vero sarebbe proprio roba nostra (GFL o parenti vari)!
Old1973

Si vis pacem, para bellum.
Avatar utente
Andrea58
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7498
Iscritto il: 02/03/2008, 14:36
Collezionista: Si
cosa: Solo Militari
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Tutte
Località: Cuggiono-Lombardia

Re: Spolette italiane su bombe inglesi???

Messaggio da Andrea58 »

OLD1973 ha scritto:Stefano, il discorso dell' acronimo LECCO è chiaro.
Io mi riferivo alla successiva affermazione sul documento " pare ne siano state trovate anche con la scritta Fratelli Fiocchi". Se, e rimarco SE, è vero sarebbe proprio roba nostra (GFL o parenti vari)!
Però è un "si dice" percui almeno dubbio.
Skype Me™! Draco dormiens nunquam titillandus
lo spirito di Cesare, vagante in cerca di vendetta, con al suo fianco Ate uscita dall'inferno, entro questi confini con voce di monarca griderà "Sterminio", e scioglierà i mastini della guerra
Avatar utente
OLD1973
Direttivo
Direttivo
Messaggi: 5521
Iscritto il: 27/05/2010, 14:24
Collezionista: No
cosa: Nessuno
range: Nessuno
Nazionalita: Nessuno
Località: Milano

Re: Spolette italiane su bombe inglesi???

Messaggio da OLD1973 »

Assolutamente in dubbio, verissimo, fino a conferma o smentita certe. Il mio era solo un chiedere un parere sulla mia ipotesi della Fiocchi-produttrice di spolette et similia....
Old1973

Si vis pacem, para bellum.
Avatar utente
stecol
Super Moderatore
Super Moderatore
Messaggi: 2384
Iscritto il: 11/04/2007, 11:48
Collezionista: No
cosa: Militari e Civili
range: Nessuno
Nazionalita: Tutte
Località: Roma
Contatta:

Re: Spolette italiane su bombe inglesi???

Messaggio da stecol »

Secondo me, ora come allora c'era gente che le buttava lì (le scemenze [icon_246 ) e come andava, andava: potevano anche avere credito.

D'altronde quella era l'epoca dei "si dice", "si ritiene", "sembra" che bastavano per mandare in galera le persone, figuriamoci se una valutazione tecnica errata non poteva finire su un'informativa della prefettura.

Per come la vedo io, chi ha disinnescato la bomba vedendo il marchio "LECCO" su un No. 28, ha chiesto a voce alta "... Ma a Lecco non c'è anche la Fiocchi ?" e lo spione di turno presente, per farsi bello ha montato un caso per la prefettura. [icon_246

Se la Fiocchi o un altra fabbrica italiana in tempo di guerra avesse prodotto anche solo fazzoletti per gli inglesi, i titolari con un po' di fortuna si sarebbero ritrovati al confino senza passare per il via. Altrimenti anche peggio. [126 [126

Ciao
Stefano
AMTT - Armi, Munizioni, Tecniche e Tattiche, tutto il resto .....

Murphy's Law of Combat Operations Rule 22: The easy way is always mined.
Murphy's Law of Combat Operations Rule 43: Military Intelligence is a contradiction.
Avatar utente
kanister
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 486
Iscritto il: 16/08/2007, 17:53
Collezionista: No
cosa: Solo Militari
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Solo Italiane
Località: Savona

Re: Spolette italiane su bombe inglesi???

Messaggio da kanister »

Purtroppo non posso aggiungere niente di più in quanto questo è l'unico documento ritrovato riguardo a questo argomento.

Una cosa invece che fa "fumare la testa": parecchi manifesti dell'UNPA di cartoncino abbastanza pesante sono stati riutilizzati in seguito tagliandoli ed usandoli quali carpette per altri documenti. Erano i manifesti contenenti le istruzioni per il riconoscimento delle varie bombe alleate, con disegni e spaccati ed in parte le prime istruzioni per disattivarle (ma non c'erano i nuclei "rastrellatori" specializzati?
Il guaio è che con i vari brandelli non si riesce a ricostruire un manifesto completo.

Comunque interessante la confusione portata dall'accronimo LECCO: ma cosa volete, l'inglese al tempo non era troppo ben visto.
ciao, g.u.
Avatar utente
kanister
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 486
Iscritto il: 16/08/2007, 17:53
Collezionista: No
cosa: Solo Militari
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Solo Italiane
Località: Savona

Re: Spolette italiane su bombe inglesi???

Messaggio da kanister »

stecol ha scritto: D'altronde quella era l'epoca dei "si dice", "si ritiene", "sembra" che bastavano per mandare in galera le persone, figuriamoci se una valutazione tecnica errata non poteva finire su un'informativa della prefettura.
Cosa vedi di diverso da oggi? Io solo che il tutto viaggia più velocemente tramite la rete.
ciao, g.u.
Avatar utente
OLD1973
Direttivo
Direttivo
Messaggi: 5521
Iscritto il: 27/05/2010, 14:24
Collezionista: No
cosa: Nessuno
range: Nessuno
Nazionalita: Nessuno
Località: Milano

Re: Spolette italiane su bombe inglesi???

Messaggio da OLD1973 »

@ Stecol: [264
Old1973

Si vis pacem, para bellum.
Avatar utente
wyngo
Super Moderatore
Super Moderatore
Messaggi: 1817
Iscritto il: 05/08/2009, 12:27
Collezionista: No
cosa: Nessuno
range: Nessuno
Nazionalita: Tutte
Località: ITALIA

Re: Spolette italiane su bombe inglesi???

Messaggio da wyngo »

Ciao a tutti...si ripropone quanto gia' accaduto, con rinvenimenti identici o simili, su altri Forum del settore anche non nazionali e che, con il buon Stecol abbiamo ampiamente dibattuto e provveduto, nel nostro piccolo a cercare un brandello di verita'.
Per la cronaca, questo rinvenimento sospetto, non si è verificato solo con i Pistol N°28 di coda ma anche con almeno un'altro modello di naso o di ogiva, per i puristi del settore [110.gif , come il Pistol N°27 II , sempre inglese.
Come puo' dimostrare questa foto...

P5120003.JPG
Pistol N°27II di ogiva, rimosso da una bomba del tipo General Purpose da 250 libbre, prima di essere distrutto...
Visto 133 volte
Pistol N°27II di ogiva, rimosso da una bomba del tipo General Purpose da 250 libbre, prima di essere distrutto...
Pistol N°27II di ogiva, rimosso da una bomba del tipo General Purpose da 250 libbre, prima di essere distrutto...
P5120003.JPG (60.45 KiB) Visto 133 volte
Le bombe sulle quali si sono rinvenute sono le vecchie General Purpose, da 250, 500 libbre, almeno nei casi che posso documentare e sono le bombe che gli inglesi avevano in servizio all'inizio del conflitto.
Si allegano le foto delle bombe General Purpose e schemi tecnici delle stesse General Purpose e delle SAP o semiperforanti e AP ovvero perforanti, sprovviste queste ultimi due tipi delle spolette di ogiva, in quanto bombe deputate alla perforazione di spessori consistenti di acciaio e cemento.
Bombing_up_Hudson_RAF_Leuchars_WWII_CH_979.jpg
Caricamento bombe General Purpose su un Hudson della RAF
Visto 133 volte
Caricamento bombe General Purpose su un Hudson della RAF
Caricamento bombe General Purpose su un Hudson della RAF
Bombing_up_Hudson_RAF_Leuchars_WWII_CH_979.jpg (69.81 KiB) Visto 133 volte
Wellington_bomb_bay_India_WWII_IWM_CF_135.jpg
Caricamento bombe del tipo General Purpose su un Wellington della RAF
Visto 133 volte
Caricamento bombe del tipo General Purpose su un Wellington della RAF
Caricamento bombe del tipo General Purpose su un Wellington della RAF
Wellington_bomb_bay_India_WWII_IWM_CF_135.jpg (86.55 KiB) Visto 133 volte
1009_Bomb_High_Explosiv_GP_1.jpg
Schede tecniche delle bombe serie Genral Purpose inglesi ad alto esplosivo
Visto 133 volte
Schede tecniche delle bombe serie Genral Purpose inglesi ad alto esplosivo
Schede tecniche delle bombe serie Genral Purpose inglesi ad alto esplosivo
1009_Bomb_High_Explosiv_GP_1.jpg (70.65 KiB) Visto 133 volte
1009_Panzerbrechende_Bomben_WK_2_1.jpg
Per confronto, si allega la scheda dell Bombe inglesi serie SAP o semiperforanti e AP o perforanti , simili alle General Purpose ma senza l'alloggiamento della spoletta di ogiva.
Visto 133 volte
Per confronto, si allega la scheda dell Bombe inglesi serie SAP o semiperforanti e AP o perforanti , simili alle General Purpose ma senza l'alloggiamento della spoletta di ogiva.
Per confronto, si allega la scheda dell Bombe inglesi serie SAP o semiperforanti e AP o perforanti , simili alle General Purpose ma senza l'alloggiamento della spoletta di ogiva.
1009_Panzerbrechende_Bomben_WK_2_1.jpg (55.72 KiB) Visto 133 volte

Quegli ordigni all'atto pratico si rivelarono inefficaci , in particolare nei confronti di truppe allo scoperto, ed in un trial, voluto fortemente dai vertici della RAF e del governo inglese, si scopri' che il ratio di esplosivo, ovvero il quantitativo di esplosivo rispetto al peso della bomba stessa, era significativamente troppo basso, rimanendo entro il 30% circa; per confronto vennero citate le bombe tedesche da 50 e 250kg, che in quel periodo, correva il 1940 circa, venivano maggiormente impiegate e rinvenute, che risultavano essere di rendimento migliore per distribuzione di schegge metalliche e per onda di sovrappressione.
Queste avevano il ratio di caricamento del 50% circa e di esplosivi spesso molto piu' efficienti, come TNT/RDX e miscele alluminizzate, ovvero con presenza di alluminio, che generava enormi volumi di gas e innalzava le temprature di esplosione.
(Fanno eccezione le bombe General Purpose da 1000 libbre che nel nel periodo dal 1926 al 1932, vennero sottoposte a revisione, con un lunghissimo trial che porto' alla considerazione che le bombe forgiate da lamiera risultavano essere superiori a quelle prodotte per fusione e i risultati portarono ad un nuovo modello, forgiato che venne caricato con una miscela di tritolo e nitrato di ammonio 80/20, detta amatolo e con una miscela di TNT/RDX 40/60 e la stessa venne ordinata nel giugno del 1939, per la produzione di massa...ma la perfida albione, cadde in un tunnel, quello della guerra e nonostante le sperimentazioni, solo 2000 delle 11.000 bombe ordinate furono forgiate, le restanti dovettero essere prodotte giocoforza per fusione. [110.gif [110.gif )

A seguito di questa sperimentazione condotta a partire dall'Aprile del 1942 e terminata con un'ordine industriale di produzione nel Marzo del 1943, della standardizzazione degli ordigni che si rendeva necessaria con l'entrata in guerra degli Stati Uniti, la nuova generazione di bombe inglesi, detta Medium Capacity, presentava un ratio di caricamento del 46% circa del peso totale e gli stessi ordigni erano caricati con una miscela di TNT/RDX al 40/60, AMATEX 9, MINOL 2, AMATOLO 50/50 e 60/40, che rendeva queste bombe drammaticamente efficaci oltre il 60% delle precedenti; inoltre tutti i nuovi ordigni della serie Medium capacity erano completati dalla serie di anelli di sospensione di tipo USA oltre a quello tipico inglese, per le note esigenze di standardizzazione nei pesi e nei sistemi di sospensione ed ingombro sui velivoli.
025.jpg
Bomba ad alto esplosivo del nuovo tipo Medium Capacity
Visto 133 volte
Bomba ad alto esplosivo del nuovo tipo Medium Capacity
Bomba ad alto esplosivo del nuovo tipo Medium Capacity
025.jpg (135.53 KiB) Visto 133 volte
bomb.jpg
Carico di un bombardiere inglese, dove si possono osservare le nuove Medium Capacity da 500 e 1000 libbre e una High Capacity, apparentemente da 8000 libbre, detta Cookie.
Visto 133 volte
Carico di un bombardiere inglese, dove si possono osservare le nuove Medium Capacity da 500 e 1000 libbre e una High Capacity, apparentemente da 8000 libbre, detta Cookie.
Carico di un bombardiere inglese, dove si possono osservare le nuove Medium Capacity da 500 e 1000 libbre e una High Capacity, apparentemente da 8000 libbre, detta Cookie.
bomb.jpg (100.52 KiB) Visto 133 volte
Bombing_up_106_Squadron_Lancaster_WWII_IWM_CH_12541  MC Bomb.jpg
Lancaster e Medium Capacity bomb
Visto 133 volte
Lancaster e Medium Capacity bomb
Lancaster e Medium Capacity bomb
Bombing_up_106_Squadron_Lancaster_WWII_IWM_CH_12541 MC Bomb.jpg (71.4 KiB) Visto 133 volte
1009_Bomb_High_Explosiv_Medium_Capacity_1.jpg
Schede tecniche Medium capacity bomb
Visto 133 volte
Schede tecniche Medium capacity bomb
Schede tecniche Medium capacity bomb
1009_Bomb_High_Explosiv_Medium_Capacity_1.jpg (59.36 KiB) Visto 133 volte
L'escursus sulle bombe non è un puro esercizio accademico ma porta alla considerazione, provata per i rinvenimenti dei quali parlo personalmente, che le bombe che hanno impiegato e sulle quali successivamente sono stati rinvenuti i Pistol incriminati sono le bombe del tipo General Purpose di 250 e 500 libbre , e la lettera che è datata 1942, conferma che in quel caso è una da 1000 libbre, ovvero il vecchio modello ma l'unica caricata con TNT /RDX 40/60!

In realta' dopo diversi anni di ricerca, con la cortese collaborazione di Stecol, di molti altri appassionati e di specialisti del settore, pur avendo setacciato tutte le sigle disponibili e contattato molti collezionisti, non siamo riusciti a dare corpo a nessuna ipotesi plausibile sulla sigla presente sui corpi dei Pistol rinvenuti e anche un Forum del settore, interpellato in merito non ha dato, per voce dei suoi forumisti molto blasonati, alcuna risposta.
Rimane valida quella tesi formulata sulle sigle, riportata da Stecol e gia' citata in altri topic, in attesa di ulteriori nuove prove.
Ciao Francesco
L'arte è scienza, non si improvvisa e non si accontenta di qualunquistiche e superficiali approssimazioni, anzi richiede un duro e sistematico lavoro.

Leonardo da Vinci
Avatar utente
stecol
Super Moderatore
Super Moderatore
Messaggi: 2384
Iscritto il: 11/04/2007, 11:48
Collezionista: No
cosa: Militari e Civili
range: Nessuno
Nazionalita: Tutte
Località: Roma
Contatta:

Re: Spolette italiane su bombe inglesi???

Messaggio da stecol »

Non so se ve ne siete accorti ma è arrivata l'artiglieria pesante ..... clap clap clap [264 [icon_246 [icon_246 [17 [17 [17
AMTT - Armi, Munizioni, Tecniche e Tattiche, tutto il resto .....

Murphy's Law of Combat Operations Rule 22: The easy way is always mined.
Murphy's Law of Combat Operations Rule 43: Military Intelligence is a contradiction.
Avatar utente
OLD1973
Direttivo
Direttivo
Messaggi: 5521
Iscritto il: 27/05/2010, 14:24
Collezionista: No
cosa: Nessuno
range: Nessuno
Nazionalita: Nessuno
Località: Milano

Re: Spolette italiane su bombe inglesi???

Messaggio da OLD1973 »

Si certo! Wingo non passa certo inosservato!!! Ciao omonimo, un salutone!!!! [264
Old1973

Si vis pacem, para bellum.
Rispondi