A proposito di ignoranza...

Notizie che ci lasciano a bocca aperta

Avatar utente
OLD1973
Direttivo
Direttivo
Messaggi: 5253
Iscritto il: 27/05/2010, 14:24
Collezionista: No
cosa: Nessuno
range: Nessuno
Nazionalita: Nessuno
Località: Milano
Grazie Inviati: 4 volte
Grazie Ricevuti: 27 volte

Re: A proposito di ignoranza...

Messaggio da OLD1973 »

Franco, ti sei laureato in ermetica? [icon_246
Già in questo forum ci spacchiamo la testa a identificare munizioni e formulare ipotesi su varianti e modelli, se poi dobbiamo pure sprecare neuroni e fulminare preziose sinapsi nell'intuire insinuazioni.... [204
Potresti chiarire le tue affermazioni? A questo punto sono curioso anch'io [137
Grazie
Old1973

Si vis pacem, para bellum.
Avatar utente
OLD1973
Direttivo
Direttivo
Messaggi: 5253
Iscritto il: 27/05/2010, 14:24
Collezionista: No
cosa: Nessuno
range: Nessuno
Nazionalita: Nessuno
Località: Milano
Grazie Inviati: 4 volte
Grazie Ricevuti: 27 volte

Re: A proposito di ignoranza...

Messaggio da OLD1973 »

EOD ITALIANO ha scritto:
768205 ha scritto:E' vero che quando non si conosce un oggetto non si deve assolutamente toccare, ma e' altrettanto vero che facendo un certo mestiere da tanti anni non si dovrebbero sparare caz....te [204

certo Eniac volevo solo far presente che c'e' qualcuno ....dico uno...che fa il prof.con le risposte altrui ma ci azzeccaa pochino e...se poi gli si chiedono lumi non lo si sente piu'. [22050002

Franco
Quale cazzata avrei detto scusa? 768205
che ci sta che poteva essere una bomboletta di gas?
Comunque non sono un professore e sono qui per imparare, e di solito quando parlo o scrivo a qualcuno lo faccio direttamente (che c'e' qualcuno ....dico uno...che fa il prof.con le risposte altrui ) 768205
non con riferimenti vaghi, inoltre anche io come tutti ho le mie lacune, e ho scritto la risposta ad eniac facendo una considerazione niente di più.
Scusate lo sfogo
Ciao Aldo
Faccio notare che il buon EOD nel suo primo post aveva correttamente appellato l'oggetto in questione, ovvero -cito testualmente- "bombola a gas", che è esattamente quello che è: una bombola atta a contenere un gas (miscela ossigeno/azoto + altri gas minori, comunemente denominata aria).
EOD, come ognuno di noi, è responsabile di quello che dice, non di quello che capiscono gli altri. Se per refuso è stato concettualmente inteso un oggetto simile ad una bomboletta di gas da campeggio, tra l'altro ben piu' pericolosa [icon_246 , non sappiamo cosa farci.
Ora attendiamo la precisazione / integrazione richiesta a Franco-768205
Old1973

Si vis pacem, para bellum.
Avatar utente
wyngo
Super Moderatore
Super Moderatore
Messaggi: 1817
Iscritto il: 05/08/2009, 12:27
Collezionista: No
cosa: Nessuno
range: Nessuno
Nazionalita: Tutte
Località: ITALIA

Re: A proposito di ignoranza...

Messaggio da wyngo »

...assomigliava alla bombola di ossigeno che era utilizzata anche nei respiratori a circuito chiuso utilizzati dai nostri Incursori e che derivavano in parte dal respiratore d'emergenza Draeger...
(http://it.wikipedia.org/wiki/Autorespiratore_a_ossigeno)
Ciao Francesco
L'arte è scienza, non si improvvisa e non si accontenta di qualunquistiche e superficiali approssimazioni, anzi richiede un duro e sistematico lavoro.

Leonardo da Vinci
Avatar utente
768205
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 39
Iscritto il: 10/02/2012, 19:22
Collezionista: Si
cosa: Solo Militari
range: Bombe e mine
Nazionalita: Tutte
Località: ventimiglia

Re: A proposito di ignoranza...

Messaggio da 768205 »

Buon Old " avvocato difensore " ma tu cosa ne sai di me, mi conosci ? Abbiamo forse mangiato assieme ? perche' non mi risulta.

Franco
Sorrido solo perchè ho appena pensato al posto perfetto in cui nascondere il tuo cadavere.
Avatar utente
Andrea58
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7261
Iscritto il: 02/03/2008, 14:36
Collezionista: Si
cosa: Solo Militari
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Tutte
Località: Cuggiono-Lombardia
Grazie Inviati: 10 volte
Grazie Ricevuti: 14 volte

Re: A proposito di ignoranza...

Messaggio da Andrea58 »

768205 ha scritto:Buon Old " avvocato difensore " ma tu cosa ne sai di me, mi conosci ? Abbiamo forse mangiato assieme ? perche' non mi risulta.

Franco
Non mi piace la piega di questa discussione che tra le varie cose è in disaccordo con il regolamento.
Vi prego di rientrare nei ranghi e di smorzare i toni.
Grazie
Andrea58
Amministratore.
Skype Me™! Draco dormiens nunquam titillandus
lo spirito di Cesare, vagante in cerca di vendetta, con al suo fianco Ate uscita dall'inferno, entro questi confini con voce di monarca griderà "Sterminio", e scioglierà i mastini della guerra
Avatar utente
Andrea58
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 7261
Iscritto il: 02/03/2008, 14:36
Collezionista: Si
cosa: Solo Militari
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Tutte
Località: Cuggiono-Lombardia
Grazie Inviati: 10 volte
Grazie Ricevuti: 14 volte

Re: A proposito di ignoranza...

Messaggio da Andrea58 »

stecol ha scritto:Piccola nota storica. I primi aggressivi chimici neurotossici, detti volgarmente gas nervini, vennero sintetizzati dai tedeschi tra il 1936 e il 1944.
Tabun (G/GA) 1936.
Sarin (GB) 1938
Soman (GD) 1944
Non vennero mai utilizzati operativamente, ma proiettili, razzi e bombe d'aereo sono state caricate con Tabun (contrassegnate da tre bande verdi).
Le altre due sostanze sembra siano state solo prodotte e immagazzinate.

Ciao
Stefano
Hai ragione a puntualizzare ma quando sfottevo Nicola intendevo parlare dei nervini evoluti, quella è robaccia primitiva che neutralizzi con una puntura di atropina. [icon_246 [icon_246 [icon_246
Per puntualizzare il concetto di pericolosità degli oggetti sconosciuti o poco conosciuti ricordo che la maggior parte degli avvelenamenti domestici avvengono proprio a causa di liquidi messi in bottiglie sbagliate e non contrassegnate. Per lo stesso principio potrebbero avere utilizzato o riutilizzato contenitori di recupero per contenere cose ben diverse dall'originale con possibili rischi oppure averlo fatto a scopo doloso.
Nei Balcani lo scherzo di usare le mine da esercitazione, conosciute da tutti come tali, inserendo una carica è comune come l'uso dei tedeschi di trappolare tutto il possibile in ritirata. Trovo la prudenza se vogliamo "noiosa e fastidiosa" [110.gif .......ma necessaria.
Skype Me™! Draco dormiens nunquam titillandus
lo spirito di Cesare, vagante in cerca di vendetta, con al suo fianco Ate uscita dall'inferno, entro questi confini con voce di monarca griderà "Sterminio", e scioglierà i mastini della guerra
Avatar utente
wyngo
Super Moderatore
Super Moderatore
Messaggi: 1817
Iscritto il: 05/08/2009, 12:27
Collezionista: No
cosa: Nessuno
range: Nessuno
Nazionalita: Tutte
Località: ITALIA

Re: A proposito di ignoranza...

Messaggio da wyngo »

...magari fosse cosi' semplice Andrea...sono aggressivi che inibiscono la colinesterasi, ovvero la trasmissione degli impulsi ai muscoli e agiscono immediatamente sui muscoli involontari come cuore e polmoni...l'atropina è una cura ma deve essere somministrata immediatamente quando si sia accertato che siano nervini e la somministrazione diciamo campale, è composta da tre dosi in sirette automatiche.
Queste sono corredo individuale e devono essere iniettate entro determinati tempi, che spesso per gli effetti propri dell'aggressivo stesso, non riescono ad essere rispettati...i soccorsi poi a volte non riescono a stabilire i tempi delle iniezioni precedenti e possono avvenire ulteriori perdite.
Impieghi di "vecchi nervini" come nel Kurdistan irakeno dimostrano che quegli aggressivi sono purtroppo molto efficienti se impiegati contro popolazioni inermi ed entro determinati range di impiego...
Anche produzioni artigianali terroristiche come quella della setta religiosa nella metropolitana di Tokyo, sono riuscite a colpire un paese industrializzato e progredito come il Giappone, mettendo in ginocchio una macchina di soccorso efficiente e rapida e scoprendo tutti i limiti di una nazione che non si aspettava questo tipo di emergenze.
http://it.wikipedia.org/wiki/Attentato_ ... a_di_Tokyo

Ciao Francesco
L'arte è scienza, non si improvvisa e non si accontenta di qualunquistiche e superficiali approssimazioni, anzi richiede un duro e sistematico lavoro.

Leonardo da Vinci
Rispondi