...in vendita ma sconosciuta...

Bombe da mortaio-Bombarde
Avatar utente
EOD ITALIANO
Friends
Friends
Messaggi: 808
Iscritto il: 14/03/2014, 21:04
Collezionista: No
cosa: Solo Militari
range: Altro
Nazionalita: Tutte
Località: TORINO

Re: ...in vendita ma sconosciuta...

Messaggio da EOD ITALIANO »

Scusate, ho dimenticano un altra fascia sotto la fascia di centramento quella ROSSO DANTIN (che viene confusa con il MARRONE) che si trova nelle granate SRHAPNELL o a pallette.
. . . Fino alla fine
Avatar utente
chaingun
Iscritti Ad Honorem
Iscritti Ad Honorem
Messaggi: 1265
Iscritto il: 09/08/2011, 19:05

Re: ...in vendita ma sconosciuta...

Messaggio da chaingun »

Ah, ok, ora è chiaro! Quindi, anello verde su corpo grigio, vuol solo dire che il guscio è in acciaio anziché in ghisa. Benone! Grazie!
Avatar utente
wyngo
Super Moderatore
Super Moderatore
Messaggi: 1817
Iscritto il: 05/08/2009, 12:27
Collezionista: No
cosa: Nessuno
range: Nessuno
Nazionalita: Tutte
Località: ITALIA

Re: ...in vendita ma sconosciuta...

Messaggio da wyngo »

EOD ITALIANO ha scritto:
chaingun ha scritto:Oooooh! Finalmente ho una spiegazione per la bomba G.A. che trovai anni fa (vuota, ovvio), di produzione Innocenti del 1939, che aveva appunto l'anello verde intorno al codolo, anziché nero! Quindi, caricamento speciale? Confermi?
Per quanto riguarda l'oggetto del topic, concordo, trattasi di materiale francese. Ricordo anche che il mortaio da 81 che fu adottato in Italia nel 1935 non era di concezione nazionale ma, appunto, prodotto su licenza Brandt.

La fascia verde e quella nera , sul codolo nelle bombe da mortaio e sopra la corona di forzamento nelle granate d'artiglieria indica la costituzione del materiale di cui è composto l'ordigno, come detto da Wingo, verde: acciaio, nera: ghisa acciaiosa, non centrano nulla a riguardo il caricamento interno delle bombe da mortaio o granate di artiglieria, questo ovviamente se parliamo di munizionamento ITALIANO riferito alla seconda guerra mondiale, il caricamento interno del munizionamento italiano era verniciato dopo il 1931 sulla parte ogivale, ogiva rosso minio HE, ogiva rosso carminio INCENDIARIO, ogiva nera FUMOGENO, ogiva GIALLA CARICAMENTO CHIMICO, per quanto riguarda poi il tipo di impiego, vi erano delle fasce colorate sotto la fascia di centramento delle granate e delle fasce presa gas delle bombe da mortaio, fascia arancione GRANDE CAPACITA', fascia kaki SEMI PERFORANTE, fascia bianca PERFORANTE - , fascia azzurra CONTRAEREI, fascia bigio azzurrino A FRAMMENTAZIONE, fascia nera EP-EPS (Hollow charge).
Ciao Aldo
...si molto chiaro...Aldo noi invece dibattevamo di altre cose, tutte relative alle bombe da mortaio da 81 M35 italiane a piccola capacita' , ovvero secondo la denominazione dell'epoca GA o in ghisa acciaiosa.
Le bombe da mortaio da 81mm M35 a caricamento ordinario, erano tutte in ghisa acciaiosa, da qui la denominazione originale GA e diversamente esistevano le bombe a grande capacita' che invece erano SOLO in acciaio.
Nello sviluppo delle munizioni per mortaio M35 da 81mm, si decise di sviluppare munizioni a caricamento speciale e anche a liquidi speciali, per questo sistema d'arma; ne venne fuori che per caricare materiali come l'Oleum, miscela al 50% di cloridrina solforica e di anidride solforica, impiegato quale nebbiogeno, il corpo bomba non poteva essere necessariamente in ghisa acciaiosa per motivi di reazione chimica e di resistenza alla corrosione...stesso discorso per il fosforo bianco(fumogeno incendiario) e per alcuni aggressivi chimici impiegati poi nelle stesse munizioni, come difosgene(soffocante), iprite o miscela di iprite/difenilcroroarsina (vescicante) o solo difenilcloroarsina (irritante)...tutte le categorie rispettavano le colorazioni previste e citate da Aldo, tranne l'unica che ha omesso, la fumogena incendiaria che aveva l'ogiva nera con banda rossa.
81 acciaio.jpg
Visto 163 volte
81 acciaio.jpg
81 acciaio.jpg (20.74 KiB) Visto 163 volte
81 acciaio2.jpg
Visto 163 volte
81 acciaio2.jpg
81 acciaio2.jpg (25.24 KiB) Visto 163 volte

Alle colorazioni ed ai contrassegni impiegati, vi erano delle eccezioni, che si svilupparono con l'evolversi del conflitto e del munizionamento, come la fascia bianca che originariamente indicava, posta immediatamente sopra la corona di forzamento, ( sia nelle disposizioni del 1928 che in quelle del 1931 e successive, in allegato e citate nel libro "Artificiere d'artiglieria" del 1935 e del 1941) il munizionamento a grande capacita', che sara' poi impiegata come contrassegno ma posta sotto la fascia di centramento, per indicare le munizioni perforanti...soliti rompicapi italici.
IMG_20140819_163127.jpg
Visto 163 volte
IMG_20140819_163127.jpg
IMG_20140819_163127.jpg (35.64 KiB) Visto 163 volte
IMG_20140819_163149.jpg
Visto 163 volte
IMG_20140819_163149.jpg
IMG_20140819_163149.jpg (36.22 KiB) Visto 163 volte
IMG_20140819_163217.jpg
Visto 163 volte
IMG_20140819_163217.jpg
IMG_20140819_163217.jpg (34.31 KiB) Visto 163 volte
Sempre ampiamente in off topic... [110.gif
Ciao Francesco
L'arte è scienza, non si improvvisa e non si accontenta di qualunquistiche e superficiali approssimazioni, anzi richiede un duro e sistematico lavoro.

Leonardo da Vinci
Avatar utente
fert
Direttivo
Direttivo
Messaggi: 2923
Iscritto il: 15/05/2006, 14:05
Collezionista: Si
cosa: Solo Militari
range: Artiglieria
Nazionalita: Tutte
Località: Umbria

Re: ...in vendita ma sconosciuta...

Messaggio da fert »

il topic è vecchio, ma ancora attuale
http://www.munizioni.eu/munizioni/forum ... 51&t=27554
Avatar utente
wyngo
Super Moderatore
Super Moderatore
Messaggi: 1817
Iscritto il: 05/08/2009, 12:27
Collezionista: No
cosa: Nessuno
range: Nessuno
Nazionalita: Tutte
Località: ITALIA

Re: ...in vendita ma sconosciuta...

Messaggio da wyngo »

...diciamo che nel frattempo abbiamo ottenuto nuove ed autorevoli fonti e arricchito le nostre biblioteche di ulteriori testi che ci confermavano la produzione di bombe M35 a piccola capacita' in acciaio, con ovvia fascia verde in coda...e tanti altri piccoli segreti.
clap clap clap clap clap clap clap

Grazie a Fausto per averci ricordato tempi molto prolifici di post, risultati, di altre cose...e di altri figuri... bastard .

[17 [17 [17 [17

Ciao Francesco
L'arte è scienza, non si improvvisa e non si accontenta di qualunquistiche e superficiali approssimazioni, anzi richiede un duro e sistematico lavoro.

Leonardo da Vinci
Rispondi