cartuccia italiana? 6,5x52

Munizioni fino a 20mm
Avatar utente
giovanni
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 2034
Iscritto il: 22/04/2005, 1:08
Collezionista: Si
cosa: Militari e Civili
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Tutte
Località: Veneto - Padova - Italy
Contatta:

Messaggio da giovanni »

Allora...
solo su un testo risulta che le cartucce marcate S B fossero del pirotecnico di Bologna
ma l'esperienza mi dice chenel nostro settore tutto è possibile, come diciamo spesso con Norby73, in qualsiasi direzione si vada.
Pare che con la stella a ore 9 vengano marcate le cartucce caricate a Solenite fino al 1915
per distinguerle dalle precedenti, poi tutte sono a solenite per cui il problema decade.
Ma allora perchè il Pirotecnico doveva distinguerle ancora nel 16-17-18?
Perchè poi se ha marchiato, nelle stesso 18 con il solito sistema ha prodotto queste contemporaneamente con dei nuovi simboli?
norby73

Messaggio da norby73 »

Con la stella a ore nove ho tre cartuccie del 1898-1899-1900 erano già caricate a solenite otto anni prima di inventarla? [:D]
Avatar utente
giovanni
Utente Registrato
Utente Registrato
Messaggi: 2034
Iscritto il: 22/04/2005, 1:08
Collezionista: Si
cosa: Militari e Civili
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Tutte
Località: Veneto - Padova - Italy
Contatta:

Messaggio da giovanni »

Infatti io avevo messo un forse, lo stesso autore dice che...nel nuovo modello di cartuccia denominato 91-95 prima venne provata la cordite e successivamente sempre perchè le temperature erano troppo alte la solenite... A me risulta che la solenite venne usata dal Pirotecnico di Bologna dal 1906 e da quello di Capua dal 1907 ma siccome non ho mai visto documenti ufficiali resto del parere che se tu le hai trovate con carica diversa dalla solenite, questo è il solo dato di fatto certo che resta, quindi la spiegazione della stella non è valida.
norby73

Messaggio da norby73 »

Da nuove informazioni giunte, pare che dentro le confezioni di cartucce del pirotecnico di Bologna si trovino mescolate anche le nostre cartucce "S B" quindi parrebbe proprio che si tratti di una produzione del pirotecnico dll'esercito. Comunque resto dell'idea che la marchiatura diversa aveva un altro scopo e non sicuramente quello di individuare le cartucce a solenite, il ritrovamento alla rinfusa dentro confezioni sigillate ne è una conferma.
E' possibile che il pirotecnico si sia appoggiato a qualche produttore locale di supporto e che abbia imposto una marchiatura diversa per tracciare la loro produzione, se è così sono sempre più curioso di sapere chi era "S B"
Rispondi