40/70 Bofors

Munizioni oltre 20mm
Avatar utente
fert
Direttivo
Direttivo
Messaggi: 2923
Iscritto il: 15/05/2006, 14:05
Collezionista: Si
cosa: Solo Militari
range: Artiglieria
Nazionalita: Tutte
Località: Umbria

Messaggio da fert »

si certo
Avatar utente
Centerfire
Direttivo
Direttivo
Messaggi: 5401
Iscritto il: 01/08/2005, 12:11
Collezionista: Si
cosa: Militari e Civili
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Tutte
Località: Firenze - Toscana

Messaggio da Centerfire »

Ho trovato un filmatino interessante su come funzionano i 40mm montati su carro:
http://it.youtube.com/watch?v=-3hC0vsZ5-8


aggiungo altro filmatino ma ce ne sarebbero a decine...
http://it.youtube.com/watch?v=aq_y6kkDO7Y
artu44

Messaggio da artu44 »

Vi posto questa chicca. La qualità è brutta perchè è la foto di una foto ricordo che ho. Si tratta della prima 40/70 navale binata che ho quasi personalmente montato in Breda nel 1975

a metà dell'opera.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Avatar utente
Centerfire
Direttivo
Direttivo
Messaggi: 5401
Iscritto il: 01/08/2005, 12:11
Collezionista: Si
cosa: Militari e Civili
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Tutte
Località: Firenze - Toscana

Messaggio da Centerfire »

Molto interessante Artu!
Durante il montaggio venivano fatte delle prove di funzionamento di impianti ed alimentazione?
Avevate delle "cartucce da manipolazione" per controllare se tutto filava per il verso giusto?
Io lavoro in un'officina meccanica di precisione e qualche lavoretto per l'OTO e l'Oerlikon l'abbiamo fatto... pure per il settore spaziale dell'Officine Galileo ma non è molto remunerativo....
artu44

Messaggio da artu44 »

All'epoca nuotavo in mezzo a munizioni 40/70 da esercitazione che costavano ben 15.000 lire cadauna ed avevano l'odioso difetto, durante le prove di alimentazione di perder la granata dopo una dozzina di volte. In effetti nel percorso fra il tamburo inferiore ed il bocchettone dell'arma, le cartucce venivano molto sollecitate, e la crimpatura della granata alla fine si allentava. Si risolse il problema facendo costruire munizioni di alluminio monolitiche tornite completamente dalla barra ed equilibrate come le originali.Per evitare l'usura vennero sanfordizzate. Avevamo anche munizioni completamente in acciaio con tolleranze strettissime usate come calibri durante l'aggiustaggio dell'arma.
Se guardi nella foto (scattata il primo ottobre 1975) vedrai che il tamburo inferiore a sette piani porta una clip da 4 colpi da esercitazione BPD per piano.
Avatar utente
Centerfire
Direttivo
Direttivo
Messaggi: 5401
Iscritto il: 01/08/2005, 12:11
Collezionista: Si
cosa: Militari e Civili
range: Fino a 20mm
Nazionalita: Tutte
Località: Firenze - Toscana

Messaggio da Centerfire »

Spettacolare!
Quello è un posto dove mi piacerebbe lavorare!
Se ne accorgono se esci con le tasche piene di 40/70?[:D]
Ora che ci ripenso... un proiettile che si sfila dal bossolo mentre viene alimentato non deve fare un gran bene al sistema dell'arma!!!
Capitava che rimanessero infilati in canna?
Il colpo successivo l'avrebbe forzato nella rigatura e poi qualcuno doveva prendersi la briga di mazzuolarlo dalla bocca...
Penso che anche da te, come da me e in quasi tutte le officine, le bestemmie facessero da sottofondo al rumore delle macchine...

Contrariamente a fert non ce la farei a tenere i pezzi della mia raccolta in stato "vissuto", quantomeno gli toglierei lo sporco che con il pezzo non ha niente a che fare... se poi c'è necessità di qualche piccolo ritocco sulle ammaccature...
Rispondi